Eleonora Costa, pallamano una passione nata a scuola

In quinta elementare il primo approccio per l’ala dell’Handball Estense

“La mia passione per la pallamano è nata all’età di 10 anni: in 5^ elementare delle ragazze che facevano pallamano promozionale nelle scuole sono venute a farci delle lezioni su questo sport e mi è subito piaciuto”. Tutto parte così per Eleonora Costa, talentuosa ala sinistra in forza all’Handball Estense. “Ho iniziato a giocare nel mio paese – Carnago (in provincia di Varese) – in una squadra mista”, incalza Eleonora, “dopo 1 anno la squadra femminile del Cassano Magnago mi ha proposto di giocare con loro ed ho accettato subito: da quel momento la pallamano è diventata la mia vita”. Una carriera straordinaria, la sua… tanto da essere un punto di riferimento di valore inestimabile. “Fino all’età di 16 anni ho militato nelle giovanili del Cassano vincendo uno scudetto under 14, under 16 e under 18.. facendo qualche presenza in serie A2. Alle finali nazionali under 18 a Teramo mi è stata data la possibilità di andare a giocare a Futura, il progetto federale in preparazione a Rio 2016: dopo qualche giorno di riflessione, ascoltando anche il parere della mia famiglia, ho deciso di partire per Roma a soli 16 anni. Sono rimasta per 5 anni; ho imparato molto a livello tecnico ed è stata una crescita personale; ho avuto un infortunio grave al crociato ma in soli 5 mesi sono rientrata in campo con ancora più voglia di giocare e divertirmi. Sono entrata a far parte prima della Nazionale under 16 e poi ho vestito anche la maglia della Nazionale senior e del beach handball. Le mie più grandi soddisfazioni? La medaglia d’oro ai giochi del mediterraneo e il bronzo all’europeo nel beach handball (titoli, questi, conqistati entrambi nel 2015). È stato un anno bellissimo”. Ma come si descrive Eleonora Costa? “Sono una ragazza socievole, amo stare in compagnia, trascorrere del tempo con la mia famiglia quando torno a casa; amo leggere, guardare film e la buona cucina. In campo non mi do mai per vinta e cerco di imparare dagli errori durante il gioco. Difetti? Testarda e – a volte – polemica”. I progetti non mancano e sono di assoluto valore: “Voglio giocare a pallamano ancora per qualche anno, spero con la maglia dell’Estense perchè è una squadra in cui mi trovo bene e dove ho incontrato persone professionali ed eccezionali. Da poco ho intrapreso la strada per diventare allenatore, infatti sto svolgendo il corso per conseguire il primo livello. Mi è stata affidata, insieme a Carlotta Poderi e Giulia Baroni, una squadra di ragazzi under 11 e under 13 a Porotto: credo molto in questo progetto di promozione giovanile promosso dall’Handball Estense; oltretutto – grazie a questo – ho scoperto un altro lato divertente e stimolante del grande mondo della pallamano”. Il pensiero conclusivo rispecchia in toto la grandezza di Eleonora Costa: “Il mio motto è PER ASPERA AD ASTRA (fino alle stelle attraverso le difficoltà). La pallamano è ciò che amo e per questo devo ringraziare tanto la mia famiglia.. per tutti i sacrifici che ha fatto, per essermi stata accanto in questi anni e per aver creduto in me e nei miei sogni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *