Elezioni: in gioco il futuro di Comacchio

Mancano ormai pochi giorni alle amministrative dell’11 giugno. Saranno 20 i Comuni interessati in Emilia Romagna, 2 nel ferrarese: Terre del Reno e Comacchio. Se per il neo-comune nato dalla fusione tra Mirabello e Sant’Agostino sarà la prima elezione, per la città lagunare si apre uno scenario che vede ben 7 candidati.

Uno di essi è Marco Fabbri, eletto 5 anni fa quando faceva parte del Movimento 5 Stelle ed oggi a capo della civica “Per fare”, con l’obiettivo di proseguire il percorso avviato nel suo quinquennio. Sei dunque i candidati che propongono un’alternativa a Fabbri per Comacchio.

Sandra Carli Ballola, insegnante del Remo Brindisi, si presenta con la civica ‘La città futura’, sostenuta da ‘Centrosinistra per Comacchio’, puntando in primis sulla cultura e sulla salvaguardia e valorizzazione dell’identità della città d’acqua, con politiche di rivitalizzazione del centro e rafforzamento dell’offerta scolastica.

Davide Michetti è un imprenditore comacchiese, candidato sindaco di Onda 3.0, lista civica nata su quella che fu la precedente Onda. Riqualificazione del territorio, destagionalozzazione, investimenti sullo sport e partecipazione attiva dei cittadini, con cui ha messo le basi del proprio programma, sono le priorità.

Maura Tomasi, avvocato, è candidato sindaco del centrodestra per Comacchio. Sostenuta da due civiche, il Faro e Maura.com, e da Lega Nord, Fratelli d’Italia e Forza Italia, concentra su turismo, famiglia, giovani e lotta all’abusivismo le priorità del suo programma elettorale.

Emilio Tomasi è medico ed è il candidato sindaco della lista civica ‘Comacchio Lidi’: welfare, miglior viabilità, attenzione alle valli e flessibilità della ZTL sono alcuni dei suoi punti di forza. Nessuna alleanza con partiti politici né con altre civiche.

Giuseppe Carli, imprenditore balneare a Porto Garibaldi e vicepresidente regionale del Sib-Confcommercio, è il candidato sindaco della civica indipendente di centrodestra Forza Comacchio. Nel suo programma in pillole ci sono la sicurezza, la lotta all’abusivismo commerciale tutto il tempo dell’anno e la valorizzazione del turismo balneare.

Piero Fabiani, commercialista, si presenta con una lista omonima ed è il candidato sindaco sostenuto dai Democratici per Comacchio e Limpida. La sua agenda elettorale è incentrata – tra le altre – sul lavoro, sulla flessibilità della Ztl e sulla promozione dell’edilizia popolare.

Poichè gli elettori del Comune sono più di 15.000, Comacchio potrebbe andare al ballottaggio. L’eventuale secondo turno è previsto per domenica 25 giugno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *