Spiagge a rischio dopo la sentenza della Corte Europea

spiaggeE’ ancora polemica sul cosidetto emendamento, salva spiagge. Nel dibattito interviene anche il Sindacato Italiano Balneari Confcommercio di Ferrara.

E’ in corso un confronto sull’emendamento al Decreto Legge sugli enti locali, che consentirebbe di sanare le concessioni balneari instaurate e pendenti, insomma un vero e proprio salvagente istituzionale, che sposterebbe avanti la questione di diciotto mesi.
“Si tratta – spiega Giuseppe Carli, responsabile del Sindacato Italiano Balneari Confcommercio provinciale – di un atto dovuto e di rispetto nei confronti del lavoro di migliaia di imprenditori e delle loro famiglie e come associazione, manterremo alta la guardia a tutti i livelli, per far sì che la futura legge quadro, che è urgente e necessaria, sia attenta davvero a chi opera quotidianamente nel settore, con immensi sacrifici e tanta passione”.
Va detto che sarà necessario almeno tutto il 2017, per realizzare una legge quadro che non dimentichi le peculiarità economiche e turistiche della balneazione, il lavoro e gli impegni di 30mila imprese familiari.
Tra i nodi futuri da affrontare, si legge nella nota di Sib Confcommercio Ferrara, c’è la necessità di definire con accuratezza il periodo transitorio di proroga prima dell’avvio delle procedure delle aste pubbliche, un periodo di transizione che le associazioni chiedono sia di 30 anni.
Intanto, mentre è già convocato per il 27 luglio, un tavolo di confronto tra le regioni costiere con l’assessore regionale Corsini, procedono gli approfondimenti tecnico legali sulla sentenza dell’Unione Europea dei giorni scorsi, per capire se la direttiva Bolkenstein possa essere, come pare, superata in considerazione di un paio di elementi, ad esempio se la risorsa spiaggia non è limitata e tale dunque, da non rendere necessarie le aste ed in secondo ordine gli affidamenti legittimi delle attuali concessioni, che dovranno però essere ulteriormente analizzati dagli esperti.

Un pensiero su “Spiagge a rischio dopo la sentenza della Corte Europea

  • 20/07/2016 in 14:05
    Permalink

    https://youtu.be/deF9WQS7CI8 È dal febbraio del 2004 che sento parlare di aste e Bolkestein ! Vorrei si parlasse anche di attrezzatura balneare,visto che vengono ancora noleggiati lettini a 2 posizioni nati negli anni settanta! Nel link il mio lettino a 20 posizioni brevettato nel 2002! Confrontatelo pure con qualsiasi lettino che vi noleggeranno!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *