Emenuele Venturelli: “Il pugilato ha determinato la svolta della mia vita”

Una passione scattata a ventisette anni, dopo aver conosciuto Massimiliano Duran

“Il pugilato mi ha cambiato la vita, tirandomi fuori da una routine di vita sbagliata. Questo sport mi ha reso una persona migliore, molto meno ruvida e spigolosa rispetto al passato…..in pratica il ring è fondamentale per me”. Emanuele Venturelli nasce a Milano nel 1990 e risiede – fin dai 5 anni – a Loiano, in provincia di Bologna…..una passione per il pugilato sbocciata a 27 anni grazie a Massimiliano Duran. “Ci siamo conosciuti proprio a Loiano: tra noi è nata – fin da subito – una complicità che è andata anche oltre lo sport; mi ha capito subito, scorgendo in me carisma e qualità. Da allora nasce un sodalizio davvero unico tra Maestro e Allievo. “Mi alleno alla Pugilistica Padana Vigor da quando ho iniziato”, incalza Venturelli, “il rapporto tra me e Momo è speciale, vero, sincero: ci alleniamo, ci vediamo, ci confrontiamo. Siamo profondamente legati sul ring e al mio angolo ci sarà sempre e solo lui”. Entrando più nel dettaglio. “Attualmente combatto nei pesi massimi, anche se la mia categoria di peso è massimi leggeri. Da quando ho iniziato ho disputato 12 incontri da dilettante per poi passare subito professionista: la mia carriera è stata veloce, lavorando 10 volte più rapidamente rispetto agli altri perchè – avendo iniziato tardi – ho dovuto svolgere un grandissimo lavoro in palestra con tantissimi sacrifici per mettermi alla pari dei miei colleghi. Sono estremamente contento della scelta di passare nei professionisti e mi sono tolto anche qualche sassolino dalla scarpa, essendo io contro tutti i pronostici….ma sono testardo e voglio raggiungere i miei obiettivi”. Le persone più significative in ambito pugilistico? “Indubbiamente Massimiliano Duran; poi la sua compagna – Soili Schiavi – che ha sempre creduto in me e mi aiuta in tutto, fuori e dentro il ring. Inoltre Romano Becchetti, Preparatore Atletico della Pugilistica Padana Vigor, sempre presente nel mio angolo (solo logisticamente – abitando io distante da Ferrara – non è il mio Preparatore) e la mia compagna che mi sprona sempre a fare il meglio, mi sostiene nelle mie decisioni sportive…..è sempre presente”. Si avvicina il Memorial Duran. “Combatterò contro Massimo Notari, un pugile – a livello dilettantistico – molto più esperto di me. La mia preparazione, in vista di questo match, è andata – e prosegue – veramente molto bene: sono contento, sotto tutti i punti di vista”. Pugile veloce, Emanuele Venturelli. Altri pregi? La difesa. Inoltre cerca di boxare in linea, è più tecnico e meno “volgare”…. un campione davvero di grandissimo talento. In conclusione. “Ho un paio di motti che entrambi si trovano nei pantaloncini quando combatto: “BELLI COME LA VITA, NERI COME LA MORTE e MI VIDA LOCA (LA MIA PAZZA VITA)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *