Emissioni Vaccolino, in tribunale il fiume di testimonianze

fonderia vaccolinoChiusa la fase dibattimentale di un processo che vede sul banco degli imputati i due dirigienti di una fonderia che ha sede a Vaccolino e che per quasi due anni secondo alcuni residenti avrebbe emesso sostanze pericolose.

Ad ottobre la sentenza che Caso delle emissioni della fonderia di Vaccolino: oggi si è tenuta una nuova udienza nel Tribunale di Ferrara.

Udienza con la quale si è chiusa l’istruttoria dibattimentale di un procedimento giudiziario partito nel 2013 dopo la denuncia di alcuni residenti che abitano vicino a una fonderia di Vaccolino.

Davanti al giudice Landolfi sono sfilati gli ultimi testimoni delle parti civili per dimostrare che le emissioni dal gennaio 2011 fino all’aprile 2013 hanno arrecato non pochi problemi alla salute e alla qualità di vita dei residenti che abitano le case poco distanti dalla fonderia.

L’intento delle parti civili – spiega uno dei legali che oggi assisteva in aula le parti offese, l’avvocato ferrarese Carmelo Marcello – non è quello di far chiudere la fonderia ma semplicemente continuare a vivere nelle abitazioni costruite prima che venisse realizzato l’impianto della Tcc Galileo. Case – aggiunge il legale – realizzate con molti sacrifici.”

Sul banco degli imputati siedono i due dirigenti dell’azienda accusati di aver messo cose pericolose.

Fra le testimonianze di oggi sono sfilati anche diversi tencici dell’Asl

Il 13 di ottobre arriverà la sentenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *