Eurispes, rapporto Italia 2014: cresce il pessimismo degli Italiani

04 vox gente al mercato

Giunto quest’anno alla 26a edizione, il Rapporto Italia 2014 dell’Eurispes, è diventato un punto di riferimento per quanti sono interessati ad avere il polso dello stato d’animo degli Italiani.

Anche quest’anno il rapporto si articola attorno a sei coppie di termini, che rappresentano temi presenti nel discorso pubblico. Le dicotomie tematiche individuate per il Rapporto Italia 2014 sono:/Europa • Finanza/Finanza • Destra/Sinistra , Etica/Estetica • Ricchezza/Povertà • Conservazione/Cambiamento.

Un italiano su tre non arriva fine mese con lo stipendio: lo rileva l’Eurispes nel ‘Rapporto Italia 2014, sottolineando come nel corso dell’indagine, condotta a cavallo tra dicembre e gennaio, sul tema sia ”stato registrato un tasso di non risposta decisamente alto (12%) che potrebbe indicare un disagio maggiore rispetto a quello rilevato”. Infatti, spiega, ”sono in molti ormai ad essere colpiti dalla cosiddetta sindrome della quarta, quando non della terza, settimana” mentre la perdita del potere d’acquisto è una realtà per 7 italiani su 10.. Inoltre, aggiunge l’Istituto di ricerca, tra quanti arrivano comunque alla fine mese non manca chi, il 51,8%, vi riesce soltanto utilizzando i propri risparmi.

Tentare di mettere da parte qualcosa risulta ”praticamente impossibile” per tre italiani su quattro. Il quadro che offre il Rapporto Italia 2014 dell’Eurispes tocca con mano anche il malessere psicologico dei cittadini, con l’88% degli italiani che ritiene che la condizione economica del Paese negli ultimo anno sia ”totalmente o parzialmente peggiorata”, mentre l’analisi rileva una crescente percezione di immobilismo e decadimento della condizione economica generale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *