Farmacie Comunali, taglio del nastro per la ‘numero 1’ in Porta Mare

Oltre 100 metri quadrati di spazi riqualificati, una nuova organizzazione di spazi, nuovi pavimenti, nuova illuminazione. A Ferrara inaugura il ‘restyling’ della farmacia Comunale numero 1 “Porta Mare” di Corso Porta Mare 114. “Un patrimonio della città che, fino a che sarò sindaco, rimarrà alla città”, ha detto il sindaco Alan Fabbri oggi al taglio del nastro, con gli assessori Cristina Coletti e Matteo Fornasini.

“Questi locali sono fortemente frequentati, tra quelli che hanno avuto e hanno maggiori accessi, rappresentano un importante servizio al cittadino, soprattutto alle persone anziane, per la posizione strategica e grazie alla professionalità del personale, che ringrazio”. A pieno regime, in periodo pre-Covid, è stato osservato, la farmacia di Porta Mare contava anche duemila persone al giorno.

“Questo è un punto di riferimento del servizio farmaceutico della città. I lavori hanno richiesto un investimento di circa 200mila euro – ha spiegato l’amministratore unico di AFM Farmacie Comunali Srl Luca Cimarelli -. Nei 30 giorni circa di lavori abbiamo garantito continuità al servizio, grazie all’allestimento provvisorio di due container esterni attrezzati. Ora in questi locali riqualificati gli utenti potranno avere servizi potenziati: sono stati infatti ottimizzati gli spazi, con nuovi punti espositivi e una nuova dislocazione delle casse.

La gente può entrare e vivere la farmacia in maniera diversa. E continuano gli investimenti per il miglioramento di strutture e risposte: l’anno scorso abbiamo rinnovato il reparto celiachia alla farmacia comunale numero 10 ‘Krasnodar’ con un investimento di circa 250mila euro, l’anno prossimo stiamo valutando un nuovo intervento. E nel frattempo, da domenica scorsa, abbiamo iniziato ad effettuare i tamponi nella struttura di Porta Mare servizi: lavoriamo per strutturare nuove risposte”.

“Spero, anzi sono convinta, che i nostri clienti apprezzeranno il lavoro. Personalmente sono molto soddisfatta e soddisfatta anche che tutto è stato fatto senza interrompere il servizio. Devo ringraziare il personale che è riuscito a far funzionare la macchina nel migliore dei modi, rimboccandosi le maniche e togliendosi l’orologio dal polso. Semplicemente splendidi”, ha detto Paola Nocenti, direttrice generale Afm.

(Comunicato a cura di Ferrara Rinasce)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *