Fermati nella notte ai lidi per procurato allarme

Verso le 4 di questa mattina al Lido degli Scacchi in via Vascello d’Oro, militari del Comando Stazione Carabinieri di Porto Garibaldi hanno proceduto a deferire in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria per i reati di “furto aggravato in concorso” e “procurato allarme” tre uomini cinesi: il primo classe 1968, residente a Prato, pregiudicato; il secondo classe 1981, residente a Bologna, anch’egli pregiudicato.

Alle 2.45 è pervenuta una richiesta di soccorso sul numero di Pronto Intervento “112” della Centrale Operativa di Comacchio effettuata da parte di un terzo cittadino cinese, classe 1992, residente a Forlì, pregiudicato, deferito anche lui in stato di libertà per le medesime ipotesi delittuose, il quale ha segnalato che due suoi connazionali si trovavano in mare, a bordo di un pattino di salvataggio precedentemente sottratto allo stabilimento balneare “Vascello d’Oro”, riferendo che erano in evidente difficoltà poiché in fase di rapido allontanamento da riva a causa delle correnti, e che erano impossibilitati al rientro a causa della mancanza dei remi sul pattino.

L’intervento in mare effettuato, su richiesta dell’Arma di Porto Garibaldi, dalla Motovedetta della Capitaneria di Porto di Ravenna, ha consentito di recuperare i due uomini, incolumi ed in buona salute. I tre cinesi, sentiti dai Carabinieri in merito alle circostanze che avevano portato due di loro al largo delle coste ferraresi in ora notturna, hanno dichiarato agli operanti che attraverso il contatto telefonico con il connazionale rimasto a terra avevano simulato una disgrazia al solo fine di velocizzare le operazioni di soccorso. Il pattino, sottratto per la improbabile gita al chiaro di luna, è stato restituito al legittimo proprietario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *