Ferrara, Ansalda Siroli ricorda Renata Talassi – INTERVISTA

Si svolgeranno domani mattina, venerdì 8 gennaio, alle 8.45 le eseque dell’ex senatrice Renata Talassi, storica esponente del Partito Comunista ferrarese, impegnata a lungo, nella sua sua vita anche come Presidente Udi in tante battaglie per i diritti delle donne.

La ricorda in questa testimonianza Ansalda Siroli, che ne fu amica e compagna di militanza politica, anche lei presidente dal 1993 al 2008 e figura mitica dell’ Udi ferrarese

One thought on “Ferrara, Ansalda Siroli ricorda Renata Talassi – INTERVISTA

  • 08/01/2021 in 14:51
    Permalink

    Gentile direttore,
    mi consenta di esprimere sentite e commosse condoglianze ai famigliari per la dolorosa scomparsa di Renata Talassi. Al figlio Dario, alla nuora Gianna, carissimi amici e compagni. Vorrei farlo, unitamente ad una mia breve testimonianza. Ho conosciuto Renata all’inizio degli anni 50, quando è stata ricostituita la FGCI. Ci siamo incontrati nei momenti della promozione di questa organizzazione giovanile nel ferrarese e nella comune appartenza negli organismi dirigenti della stessa organizzazione di cui Renata era entusiasta aderente e promotrice del suo sviluppo. Si è palesata fin dall’inizio una aderente molto fiduciosa e propagatrice di entusiasmo, tra di noi e particolarmente tra le ragazze ferraresi. Il suo entusiasmo lo esprimeva nei frequenti interventi, sia con le parole e anche col canto, praticato di spesso a conclusione dei primi incontri, giacché anche della lirica, Renata era particolarmente appassionata.
    Abbiamo compiuto praticamente, pur nella diversità di responsabilità e incarichi lo stesso percorso politico. Dalla FGCI; al PCI, al PDS, ai DS, al PD. Ed anche nella stessa CGIL.
    Nel 1985 siamo anche giunti allo scambio di incarichi. Quando Renata venne incaricata dalla Federazione del PCI di assumere l’incarico di Vice presidente della Provincia di Ferrara. Avevo assolto a quell’incarico dal 1975 a 1985. Renata aveva da poco completata la sua positiva esperienza parlamentare. Al termine della riunione di partito che la destinava all’incarico in Provincia, mi invito a casa sua per chiedermi informazioni e anche consigli. Un segno di riconoscimento, umiltà e di fiducia, a cui ho volentieri partecipato.
    Dispiaciuto della grave perdita. La perdita di una persona intelligente, onesta, capace, che ha dato tanto, con gli insegnamenti e con l’esempio alla nostra comunità.
    Giorgio Bottoni.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *