Ferrara Baseball: Under 15 ko a Imola

Giovani convocati per la rappresentativa regionale

Apparentemente abbordabile, la trasferta di Imola si conclude per l’Under 15 del Ferrara Baseball con un’altra doccia fredda, e la seconda sconfitta consecutiva subita all’ultimo inning. Per i biancorossi il primo storico successo è ancora tabù, nonostante la compagnia metta di nuovo in scena una recita da applausi: il coro si spegne al quinto inning, zittito da una tripla oggettivamente indifendibile. Nessun peccato mortale per i ducali, solo il rimpianto di non trovare mai in attacco il colpo che spariglia. Come spiegare altrimenti la sconfitta in una partita in cui il diamante non ha commesso un solo errore spremendo la bellezza di nove eliminati? In cui i tre lanciatori hanno concesso un totale di appena cinque basi su ball (sei quelle avversarie) e macinato sette strike out? La differenza la fanno le valide e ciò che producono: tre a testa per le due contendenti, ma Imola la picchia quando ha gli uomini in base.
Cronaca. Ferrara parte con un preciso piano partita, aggredire in attacco e contenere in difesa. L’orchestra inserisce variazioni allo spartito, e al terzo inning Imola è avanti 2-1; ai punti del Tozzona risponde Loriga, impeccabile in difesa nel ruolo di seconda base. In pedana Zanatta amministra con autorità, e per due inning il tabellino avversario resta a zero. Sul monte sale poi Stignani, fresco di rubata per il punto del temporaneo 2-2; il fucile è un po’ sporco, e nonostante uno strikeout e un punto sicuro negato a casa (bella intesa a casa col catcher Lavezzi) i padroni rimettono il naso avanti (4-2).
Ferrara si scopre più vivace sulle basi, e sfruttando altrui incertezze impatta per l’ultima volta: 4-4, segnano in fotocopia Loriga e Grigatti rubando il piatto su lancio pazzo. Ci starebbe pure il sorpasso (già assaporato da Zaina, a cui nel quarto non riesce lo squeeze play), con Tamoni in terza e l’atteso ritorno di Negrini in battuta: il gigante però è un bersaglio facile, e l’assalto finisce lì. Con un inning ancora da giocare, Ferrara rimette Stignani in terza e lascia a Tamoni il compito di chiuderla; il ragazzo ne inchioda tre al piatto, peccato che in mezzo arrivi il proiettile che squarcia il muro del Castello. Tripla a sinistra con due uomini in base: Imola mette la freccia e scappa via. Agli ospiti resta un solo attacco, le energie sono in riserva e agli ultimi uomini viene il braccino. Qualche statistica per addolcire la pillola: Ferrara tiene per la prima volta gli avversari sotto la doppia cifra, con il minimo scarto di sempre e senza mai subire i quattro punti massimi per inning. Cose che valgono le coccole da parte del manager Marzaduri: “Le partite fino ad oggi le abbiamo perse noi, questa invece l’hanno vinta loro: nessun paradosso, c’è una grande differenza. Gara di fatto decisa da un episodio. I nostri hanno giocato benissimo in difesa e più che discretamente in base. Ci manca cattiveria nel box: abbiamo uomini che in allenamento la mandano in orbita, e in partita fan cilecca. Comunque testa alta: chi pensava, un anno fa, che questa squadra potesse giocarsela alla pari in un simile girone? Ringrazio di cuore i tecnici Ventura, Squarzanti e Regazzi, pigmalioni di questo gruppo che sono certo si toglierà prestissimo più di una soddisfazione. La nostra festa è solo rinviata.”


Un nuovo motivo di orgoglio per il Ferrara Baseball Asd: un pugno di atleti della Società biancorossa sono stati invitati ai provini per entrare nelle prestigiose Selezioni Regionali Emilia-Romagna. Le rappresentative giovanili, forti di una decennale tradizione, daranno battagli ai pari età di tutta Italia nel prossimo Torneo delle Regioni. Un eventuale trionfo porterebbe i campioncini a scontrarsi con le migliori realtà d’Europa (a luglio, in Polonia ed Olanda): solo i più forti coroneranno il sogno di volare in USA per l’ultima tappa, niente meno che le Junior League World Series.
Ferrara ripone le proprie speranze di convocazione sulla ricevitrice Giada Bonsi e il lanciatore Esteban Zanatta, della squadra under 15; sui giovani Dario Buriani, Guglielmo Abetini, Agnese Squarzanti e Amalia Taddia per la categoria under 12. I prospetti saranno attentamente valutati dall’autorevole staff coordinato da Dimes Gamberini (Baseball) e Stefano Landuzzi (Softball). Per i bimbi del castello, una sfida ad asticella molto alta contro la meglio gioventù di realtà come Parma, Rimini, Bologna, Ravenna, Modena e San Marino. Comunque vada, un grande onore per loro, e gli auguri sentiti del Presidente Bibi Squarzanti: “Per tutti noi questa occasione rappresenta una prima volta: siamo ovviamente emozionati. A confronto con squadre con trent’anni di esperienza forse non avremo grandi chance, ma quello che conta è che ci saremo anche noi: oggi siamo una realtà, in costante e rapida evoluzione. Un’opportunità come questa dovrà dare grande carica a tutto il nostro ambiente, soprattutto ai ragazzi: il cammino è sempre arduo, lo sport stesso non è semplice. Ma più strada faranno, più i giovani cresceranno. Vittorie o sconfitte raccontano gli eroi solo sui libri di storia. Sono passione, esperienza, impegno e sacrificio a dirci chi di questi ragazzi sarà un eroe nella vita.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *