Ferrara capitale dell’inquinamento

02 PM10 inquinano

Ferrara capitale dell’inquinamento da Pm10 in Emilia-Romagna. A dirlo è la stessa Arpa. Negli ultimi 5 giorni i livelli delle polveri sottili hanno superato di i limiti di legge.

Assenza di precipitazioni combinata a giornate senza vento e ad una concentrazione di inquinanti che rimane nell’aria di tutta la pianura padana. Questa la causa dei livelli preoccupanti di inquinamento dell’aria che in queste settimane si stanno registrando anche a Ferrara e in tutta la sua provincia, soprattutto l’area verso il ravennate. A dirlo è proprio l’Arpa Emilia-Romagna che segnale come, in queste ultime ore, la provincia estense stia registrando livelli scadenti dell’aria, con una concentrazione di pm10 tra i 75 ed i 99 μg/m3

Una situazione che tenderà ad aggravarsi nel prossimi giorni visto che non si prevede pioggia fino a dopo Natale e “con il mese di dicembre che rischia di classificarsi come il più secco della storia, una siccità storica con il Po sceso su livelli addirittura estivi”spiega Coldiretti.

Non è certo una novità che l´inquinamento atmosferico rappresenti un rischio per la salute umana. Secondo l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Iarc), l’inquinamento atmosferico è cancerogeno per la salute: Ossidi di azoto, l’anidride solforosa, monossido di carbonio, ozono, benzene ma soprattutto Pm10 e Pm2.5 polveri sottili che possono penetrare all’interno di spazi molto affilati, come nei polmoni, provocando danni all’apparato respiratorio. Le patologie più influenzate dalle variazioni dei livelli di inquinamento atmosferico sono infatti le patologie respiratorie e cardiache: dalle infezioni respiratorie acute alle crisi di asma bronchiale sino ai disturbi circolatori e ischemici. Particolari precauzioni devono essere prese ad esempio dai bambini, dalle persone con disturbi respiratori e cardiaci e gli anziani.

gli esperti consigliano di evitare di fare attività all’aria aperta nelle zone molto trafficate, soprattutto nelle ore di punta. in caso di spostamenti a piedi o in bici, cercare i percorsi meno inquinati preferendo la mattina presto o la sera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *