Ferrara commemora il drammatico eccidio del ’43

Sono passati 75 anni dalla morte degli undici martiri fucilati dai fascisti, all’alba del 15 novembre 1943, davanti al muretto del Castello Estense.

Ferrara ha commemorato le vittime con la mostra “Per non dimenticare”, realizzata 5 anni fa in occasione del settantesimo anniversario dell’eccidio Estense dall’Istituto di Storia Contemporanea con il contributo del Comune di Ferrara. Mediante una successione di pannelli autoportanti sagomati con immagini e testo, la mostra racconta le storie di vita degli undici uccisi presso il muretto del Castello e sui Rampari di S. Paolo.

Le sagome, di forte impatto emotivo, rendono particolarmente “viva” l’immagine di quella lunga notte immortalata anche dal racconto di Giorgio Bassani “Una notte del ’43” e dal film di Florestano Vancini “La lunga notte del ’43”.

La mattinata si è aperta alle 10.00 in Sala Consiliare del Comune di Ferrara, tramite un incontro con gli studenti sul tema “1900 il secolo delle guerre”, a cui è seguita la presentazione della web serie “Maschere di guerra” di Giuseppe Muroni, prodotta dall’Istituto dell’Enciclopedia Treccani in collaborazione con l’Istituto Storia Contemporanea di Ferrara.

Nel pomeriggio, il sindaco Tiziano Tagliani ed autorità civili, militari e religione hanno deposto una Corona alle lapidi esterne alla Sinagoga di via Mazzini, con onori militari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *