Ferrara, corteo di Forza Nuova contro immigrazione e Camelot

.facebook_1472302068620
foto dal web

Provenivano per la maggior parte dal Bolognese e dal Veneto i militanti, una settantina, che hanno partecipato questa mattina a Ferrara al corteo contro l’immigrazione e la coop Camelot, organizzato da Forza Nuova.

Il dispiegamento di forze per garantire la sicurezza era imponente, il corteo non ha potuto avvicinarsi alla sede della cooperativa, in prima fila nell’assistenza ai profughi, né inoltrarsi nel quartiere Gad, e ad eccezione di una signora che ha urlato “pagliacci” e “fascisti” non ci sono stati momenti di tensione.

Lo slogan “Basta immigrazione, fermiamo l’invasione” e striscioni come “Il falso buonismo porta al terrorismo” hanno fatto da sfondo agli attacchi a Camelot: “È una delle coop che più fanno business, grazie alla copertura del ministro Franceschini. Quando si prendono 32 euro al giorno per un profugo adulto, e 62 euro per un minore, salta fuori un guadagno di 15 euro: basta garantire pranzo, cena e letto. Così hanno potuto a Gaibanella affittare anche una villa con piscina per i profughi, ma il proprietario non era d’accordo”. Il segretario nazionale di Fn, Roberto Fiore, ha concluso la manifestazione all’acquedotto: “La stessa energia che gli italiani stanno mettendo in questi giorni per impedire che interi paesi siano cancellati per il terremoto, la ritroviamo tra la gente sulla questione immigrati. Ormai lo dicono tutti, c’è una percentuale, anche piccola, di profughi che nasconde potenziali terroristi. Forza Nuova è qui e non se ne andrà mai più da Ferrara” (Ansa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *