Ferrara Fiere: le reazioni alle indagini della Procura

Non sono mancati i commenti di personalità dell’Amministrazione Comunale e della politica ferrarese alle notizie pubblicate ieri da alcune testate locali sull’inchiesta relativa alla Fiera di Ferrara. Fiera, partecipata indirettamente dal Comune, attraverso la Holding Ferrara Servizi per il 22%.

I commenti chiamano in causa la passata gestione della Fiera e con essa l’Amministrazione comunale di Centrosinistra, a guida PD, e sottolineano, scrive l’Assessore al Bilancio Matteo Fornasini di Forza Italia, come l’avviso di conclusione della prima parte delle indagini confermi “ipotesi di reato inquietanti” legate alle accuse mosse dall’imprenditore Scavuzzo a cinque ex dirigenti, fra cui due ex presidenti dell’Ente fieristico ferrarese.

Ieri il sindaco di Ferrara, Alan Fabbri della Lega, chiedeva di accertare le eventuali responsabilità, aggiungendo “se le accuse saranno confermate”.

Accuse che ancora non sono state rese note ai diretti interessati, cioè gli indagati, come ieri diceva l’avvocato Linguerri, legale di Nicola Zanardi.

Fabbri chiede di fare chiarezza con celerità, puntando il dito su Filippo Parisini, quale esponente del Pd, ex sindaco, e presidente di Ferrara Fiere nominato dalla Giunta Tagliani.

Sindaco e Assessore mettono insieme inchiesta e situazione finanziaria della Fiera, “a pochi passi dal collasso”, come scrive Fornasini, ed ereditata con un pesante deficit di bilancio dall’attuale amministrazione. Entrambi si aspettano “una presa di posizione, e una voce di chiarezza, da parte del Pd locale e dei suoi esponenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *