‘Ferrara Film Corto’: “Ambiente è Musica”: da oggi all’11 giugno la rassegna cinematografica al Cinepark e Sala Estense

Presentato il programma del Ferrara Film Corto 2022 – “Ambiente è Musica”. Da tre anni dedicato alle tematiche ambientali e da due divenuto internazionale, il Festival ferrarese di cortometraggi prosegue il suo percorso di crescita, proponendo un libretto denso di ospiti internazionali, anteprime ed eventi legati al mondo del cinema indipendente, oltre che prestigiose collaborazioni e attività incentrate sul tema ambientale.

Il Festival si svolgerà alle porte dell’estate da oggi, lunedì 6 a sabato 11 giugno, condotto dai giovani Direttori Artistici Eugenio Squarcia e Mattia Bricalli, affiancati da un team formato da Veronica, Sara, Federica e Stefano e supportati dalla Ferrara Film Commission. Si parte oggi alle 18 al Palazzo della Racchetta, con l’aperitivo inaugurale e l’opening della mostra curata da Enrico Ravegnani (prenotazione obbligatoria al n. 340 6553080). Anche quest’anno l’Apollo Cinepark sarà teatro di proiezioni serali legati al Festival: questo lunedì 6, ‘Fra due battiti’ di Stefano Usardi, presenti in sala il regista e parte del cast (ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria via whatsapp al n. 340 6553080 o via email a [email protected]), e martedì 7, i docufilm “La Grande Sete” di Piero Badaloni – dedicato alla situazione dell’acqua sul pianeta, presente in sala il regista – e “Lunana: il villaggio alla fine del mondo” di Pawo Choyning Dorji (che sarà in collegamento video), candidato agli Oscar 2022 come Miglior Film Internazionale (ingresso a pagmento, ridotto per i soci della Ferrara Film Commission).

Nelle mattine di martedì 6 e mercoledì 7 il Palazzo della Racchetta ospiterà la ‘Sezione Vetrina’, durante la quale si incontreranno gli sponsor FFCF 2022 e personaggi legati al filmmaking e all’ambiente: il direttore della fotografia Matteo Bertoli e il fotografo naturalista Milko Marchetti, protagonisti delle due Masterclass professionali svoltesi le settimane precedenti il Festival; Marco Buttu, (ingegnere elettronico e ricercatore), che presenterà il suo libro ‘Marte Bianco’, e incontro con Manuela Della Monica per il progetto universitari LINFA – Artificial Singing Plant una nuova e diversa comprensione dell’ambiente naturale, tra scienza e arte.

Martedì e mercoledì, alla Sala Estense, intensi pomeriggi – con la proiezione di docufilm (“Learning from the intangible” di Alessandra Silver, “2050: Cronache Marine” prodotto da Istituto Oikos), collaborazioni consolidate (la storica partnership con il Roma Film Corto International Fest, diretto da Roberto Petrocchi, con proiezione di una selezione di corti) e incontri culturali (LINFA, presentazione del libro “ARTISTI VISIONARI. Viaggio ai confini dell’arte e della parola” di Roberta Tosi) – e importanti serate – Conferenza-incontro a tema ambientale dal titolo “#CLIMATECHANGE tra scienza e attivismo”, con Stefano Mazzotti (Direttore del Museo Civico di Storia Naturale di Ferrara), Giulia Bigazzi (Autrice, Attivista del movimento Fridays For Future Italia) e Aida Morelli (Presidente del Parco del Delta del Po), oltre alla consegna di un Premio Speciale alla carriera ad Andrew Levitas – in diretta video dagli USA – regista dell’acclamato lungometraggio a sfondo ambientale “Il caso Minamata”, interpretrato da Johnny Depp.

Mercoledì sera, giovedì e venerdì pomeriggio e sera, il Festival si dedicherà alla proiezione dei cortometraggi in concorso alla Sala Estense e all’incontro coi registi, modarato da Giuseppe Muroni, Cesare Bastelli, direttore della fotografia, e Mattia Antico, direttore del Cinema Boldini. Negli intermezzi, giovedì Stefano Muroni presenterà l’attività della Scuola d’Arte Cinematografica Florestano Vancini e del Centro di Preformazione Attoriale di Ferrara, mentre Patrizia Spedo quella dell’Associazione Nuova TerraViva, e venerdì verrà presentato, insieme alla direttrice Simona Nava, il gemellaggio con il Sondrio Festival.

Nelle mattine di giovedì e venerdì l’agenda prevede appuntamenti con AstroViktor, aka Vittorio Baraldi – giovane ingegnere aerospaziale che analizzerà le differenze tra finzione cinematografica e realtà scientifica nella rappresentazione dello spazio nei grandi film – con Amnesty International – che discuterà sulle tematiche sociali del corto “B•52” di Flavio Nani – la proiezione del corto “Worst Case Scenario” di Raffaele Vesco e un incontro a tema “INDIE REVOLUTION” con Matteo Bertoli (Direttore della Fotografia), Dalilù (Regista e Filmmaker), Achille Marciano (Attore e Regista), Flavio Nani (Creative Producer) e Giampiero Sanzari (Compositore e Sound Designer), che racconteranno la loro esperienza professionale nel mondo del filmmaking indipendente.

L’ormai consolidato sabato green di ‘Ambiente È Musica’ ripropone, nella mattinata, attività di raccolta della plastica in città a cura di Plastic Free (a libera partecipazione, ma con prenotazione obbligatoria via whatsapp al n. 340 6553080 o via email [email protected]), ‘Green Lunch’ presso l’Associazione TerraViva e una Tavola rotonda con gli autori, i musicisti e i registi delle opere in concorso, a tema “INDIE REVOLUTION – giovani filmmaker e compositori tra ambiente e musica”. Sabato serata di chiusura del Festival con la Cerimonia di premiazione dei corti in gara nelle due categorie “AMBIENTE È MUSICA” e “BUONA LA PRIMA”, accompagnata da uno spettacolo musicale dal vivo. Per non perdere nessun appuntamento, il programma completo è visionabile sul sito www.ferrarafilmcorto.it e sulle pagine Facebook e Instagram del Ferrara Film Corto Festival. Per info: [email protected]

Si ricorda che, nel rispetto delle attuali normative anti-Covid, nelle location al chiuso del Festival si dovrà indossare la mascherina FFP2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.