Ferrara, leggero aumento della disoccupazione. Donne e giovani i più penalizzati

 

disoccupazione occupazione
Clicca per ingrandire

Disoccupazione in leggero aumento a Ferrara nel 2017 mentre si conferma il trend positivo dell’occupazione, in crescita negli ultimi tre anni. A rilevarlo sono i dati dell’Ufficio Statistica del Comune di Ferrara.

In cerca di lavoro sono soprattutto i giovani e le donne ed aumenta sempre di più il numero di Neet, cioè giovani che non lavorano, non lo cercano e nemmeno studiano: a Ferrara sono 1.100.

Sono 59.500 le persone in età compresa tra i 15 ed i 74 anni impiegate nel mondo del lavoro a Ferrara, 1.900 in più rispetto all’anno precedente. E’ uno dei dati fotografati dall’Ufficio Statistica del Comune sull’occupazione e disoccupazione relativi al 2017.

Un anno a luci ed ombre per il comune estense che se da un lato conferma, per il terzo anno consecutivo, il trend positivo dell’occupazione, dall’altro evidenzia un leggero aumento della disoccupazione, soprattutto fra donne e giovani.

Il numero delle persone occupate si trova soprattutto nei contratti alle dipendenze a tempo determinato (nei settori dell’industria manifatturiera e del commercio) ma in crescita c’è anche l’occupazione indipendente, non solo nel manifatturiero ma anche nelle attività professionali, mediche e scientifiche come ad esempio gli studi legali, di contabilità e d’ingegneria

Diminuisce invece l’occupazione alle dipendenze soprattutto nelle costruzioni e nella ristorazione, mentre l’occupazione indipendente cala nel commercio e in agricoltura.

Per quanto concerne la disoccupazione i dati registrano un aumentato di 0,2% rispetto all’anno precedente: 7.200 le persone in cerca di lavoro, 400 in più rispetto al 2016. Ma i numeri della disoccupazione aumentano soprattutto tra i giovani in età compresa fra i 15-29 anni: in questa fascia gli occupati sono calati dell’1,3%, i disoccupati aumentati del 1,5%, percentuali che attestano nel comune di Ferrara una disoccupazione giovanile pari al 25,3% E cresce anche il numero di giovani neet, cioè coloro che non hanno lavoro, non lo cercano e nemmeno studiano: a Ferrara sono stimati in 1100 unità, 300 in più rispetto al 2016

Infine il dato sulle differenze tra i generi: vista solo in ambito maschile sia l’occupazione, con 1.600 occupati in più rispetto all’anno precedente che la disoccupazione (cioè meno persone disoccupate) nel 2017 hanno registrato un miglioramento. Ben diverso l’andamento del mercato del lavoro femminile soprattutto tra le giovani donne: se da un lato il tasso di occupazione femminile resta stabile dall’altro aumenta la disoccupazione che arriva al 12,7% per le donne di età compresa tra i 15 e i 64 anni e del 25,7% la fascia di età compresa tra i 15 ed i 29 anni.

  • Venerdì 9 febbraio ore 11.45

unindustria-lavoro economiaDisoccupazione in leggero aumento a Ferrara nel 2017 mentre si conferma il trend positivo dell’occupazione, in crescita negli ultimi tre anni.

A rilevarlo sono i dati dell’Ufficio Statistica del Comune di Ferrara.

Per niente confortanti invece i dati relativi alla condizione dei giovani in età 15-29 anni: la disoccupazione giovanile torna a salire nel 2017 dopo essere stata costantemente in diminuzione dal 2014. In aumento anche il numero dei neet: cioè giovani che non lavorano, non lo cercano attivamente e nemmeno studiano.

Sono molto marcate inoltre le differenze di genere: Per gli uomini l’occupazione è in sensibile miglioramento mentre per le donne aumenta la disoccupazione, soprattutto per le giovani tra i 15 ed i 29 anni.

http://servizi.comune.fe.it/index.php?id=6372

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *