Ferrara più sicura grazie a dieci poliziotti. Il Questore consegna loro lode del ministero – VIDEO

Hanno risolto il caso in 48 ore arrestando i tre autori delle rapine a persone anziane. Tutti illeciti che furono consumati nel giugno del 2015. Si trattava di tre albanesi, legati da parentela, che pedinavano le vittime, per lo più donne anziane. Agivano in base alla corporatura delle loro “prede” e a sette persone tolsero con violenza catenine d’oro e soldi, tanto da creare un allarme sociale in città.

Per quelle indagini il ministero degli Interni, con un’apposita commissione, ha deciso di consegnare a sei poliziotti, il commissario Andrea Crucianelli e gli agenti della terza sezione della squadra mobile (il sostituto commissario Michele Rossini, l’ispettore superiore Mauro Grazzi, i sovraintendenti capo, Davide Resca, Andrea Marzocchi e Stefano Perelli) sei Parole di Lode.

E poi ancora. Era il cinque di maggio del 2015. In un parcheggio adiacente il vecchio ospedale, Rampari di San Rocco, una donna che stava pagando la sosta, venne avvicinata da un uomo di colore, un parcheggiatore abusivo, che bloccandola la toccò nelle parti intime e poi tentò di derubarla. Solo il tempestivo intervento della polizia con l’arrivo di due volanti, dopo la chiamata da parte della vittima al 113, che nel frattempo si era barricata in auto, permise di rintracciare l’uomo che si era dato alla fuga.

Anche per questa operazione il ministero ha deciso di consegnare tre Parole di Lode, a tre agenti: l’assistente capo, Carlo Leonardi e gli assistenti Marco Galetti e Michele Brancaleone.

E così oggi, senza attendere la festa della polizia, che ogni anno si tiene nel mese di maggio, il questore, Antonio Sbordone, ha deciso di ufficializzare i riconoscimenti perché – ha detto nel corso dell’incontro con la stampa – questi poliziotti se lo meritano …

La consegna dei riconoscimenti si è tenuta nella sala ovale della questura alla presenza dei vertici della polizia di stato di Ferrara

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *