Tifo violento a Ferrara: dalla guerrigia in autogrill all’aggressione in centro – VIDEO

Nove nuovi daspo (al momento a Ferrara sono circa ottanta in tutto i “daspati”) e undici rinvii a giudizio per rissa aggravata.

E’ il bilancio dell’attività della Digos di Ferrara nei confronti di ultras della Spal: e il fenomeno della violenza nel calcio non vuole sfuggire di mano alla Polizia di Stato della città estense.

 


 

Un’aggressione violenta e inquietante in pieno centro a Ferrara solo perché portava un berretto con i colori della Roma, una rissa su appuntamento tra una settantina di persone in autogrill e tubi di ferro nascosti in un mini-van in una delle ultime trasferte della Spal. Senza dimenticare, la guerriglia urbana ad Auronzo di Cadore a luglio in occasione dell’amichevole Spal-Lazio.

Questo il bilancio di episodi gravi, da luglio ad oggi, che hanno visto protagoniste persone violente che seguono il calcio e la squadra biancoazzurra: “Fortunatamente si tratta di piccolissime frange estreme della tifoseria della Spal che l’anno scorso è stata tra le più corrette d’Italia”. A dirlo, il Questore di Ferrara, Giancarlo Pallini, che insieme alla Digos e al suo dirigente, Alberto Bonaretti, hanno fatto il punto sulle indagini sugli ultimi episodi di tifo violento, che nella città estense soprattutto in questa stagione calcistica e l’estate scorsa, rischia di diventare un fenomeno preoccupante.

ultras

“Tu, con questi colori, non giri a Ferrara”. Questo avrebbero detto i due ultras della Spal, tra i 20 e i 30 anni, il primo dicembre scorso, a un ragazzo con il berretto della Roma in via Contrari poco prima dell’una di notte. I due, dopo avergli preso l’indumento giallorosso con la forza, avrebbero sferrato anche due pugni alla vittima, rompendogli il setto nasale guarito dopo ben un mese. L’aggressione poi è continuata in un parcheggio, e ora i due sono denunciati per rapina aggravata e lesioni personali e hanno l’obbligo di firma in Questura. Probabilmente si tratta delle stesse persone protagoniste, tra altre, di un altro episodio violento, risalente alla stagione scorso in via Garibaldi, ai danni di tifosi milanisti. Per loro è scattato il Divieto di Accedere alle manifestazioni SPOrtive, di cinque e un anno.

Sette invece i daspo, e undici rinvii a giudizio per rissa aggravata, nei confronti dei tifosi della Spal che, la notte del 12 agosto dell’anno scorso, di ritorno dalla trasferta di Coppa Italia a La Spezia, si sono dati appuntamento con gli ultras del Padova (squadra impegnata in Coppa ma contro il Bologna) in autogrill a Bentivoglio nel bolognese.

Parma 1Dalle minacce si è passati subito alle mani, fino al lancio di fumogeni in prossimità del distributore di benzina che poteva causare problemi ben più gravi. Bottiglie frantumate, pezzi di cinghie e sangue è quanto trovato il giorno dopo la rissa nella stazione di servizio.

Infine un altro grave episodio ma più recente, il 27 gennaio scorso, quando in un mini-van di tifosi della Spal diretto a Parma per seguire la trasferta dei biancoazzurri, la Polizia di Stato ha trovato 52 tubi di ferro e uno sfollagente. La Digos della città ducale sta indagando.

Secondo gli inquirenti, in questi episodi sarebbero coinvolti soprattutto ultras spallini giovanissimi che utilizzerebbero la violenza per alzare il livello e non sentirsi secondi e ‘provinciali’ rispetto a tifoserie storiche della Serie A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *