A Ferrara torna ‘Winter Wonderland’ diciannove giorni di divertimento al parco più grande d’Italia

È un po’ il sogno di ogni bambino (ma non sottovalutiamo gli adulti…): avere a disposizione, specie durante le vacanze di Natale, migliaia di metri quadrati di giostre, giochi, spettacoli. Per di più al coperto e in sicurezza, per la tranquillità di genitori e nonni. A Winter Wonderland – Natale in giostra quel sogno assume contorni ben precisi e numeri importanti: per 19 giorni – da sabato 21 dicembre 2019 a domenica 19 gennaio 2020 -, 20.000 metri quadrati di padiglioni della Fiera di Ferrara si trasformano nel parco divertimenti indoor più grande d’Italia, con oltre 60 espositori, 30 attrazioni, 10 eventi speciali, e un nutrito palinsesto di show e animazioni.

L’appuntamento organizzato da Eventi Spettacoli Snc di Diego Bisi e Luca Catter, in collaborazione con Ferrara Fiere Congressi e con il patrocinio del Comune di Ferrara, si presenta alla scadenza della settima edizione con un programma ricco e variegato, adatto a incontrare i gusti delle famiglie con bambini e dei giovani di tutte le età.

Che Winter Wonderland – Natale in giostra sia un luogo incantato lo si capisce fin dall’ingresso, che conduce direttamente nella casa di Babbo Natale. Qui, oltre a visitare la stanza dei giocattoli, dove lavorano gli elfi, e la camera di Santa (con letto, scrivania e trono), i più piccoli possono consegnare la letterina con i propri desideri a Babbo Natale in persona e partecipare ai laboratori fissati per il 21, il 22 e il 25 dicembre.

Tra le attività in calendario ogni giorno spiccano le giostre, con grandi classici come il brucomela e il tagadà, gli autoscontri, i gonfiabili, la Dark House, popolata da fantasmi, vampiri e mummie, e il labirinto degli specchi. Ma anche il grande rullo Water Ball per rotolarsi in acqua (e restare asciutti), la gondola della Piccola Venezia e Il Castello di Aladino con scivoli, palline e percorsi a ostacoli. I tappeti elastici e il Jumping per saltare e fare evoluzioni in aria, senza contare i giochi a premio e a gettone. Poi le performance mattutine e pomeridiane (con uno speciale spettacolo serale il 31 dicembre) del Winter Circus, rigorosamente privo di animali. E ancora, il teatro dei burattini, la baby dance con gli animatori e Winterello, la mascotte di Winter Wonderland – Natale in giostra, e il truccabimbi. Quotidiani pure la parata dei personaggi dei cartoni animati, con i quali ballare e farsi un selfie, lo show delle bolle di sapone giganti e quello di micro-magia, la caccia al tesoro e gli atelier creativi.

Fino al capitolo “musica” che, con le note dei Muffins, contribuisce a rendere Winter Wonderland – Natale in giostra una cittadella magica, sospesa tra fantasia e realtà. Dal 25 dicembre al 6 gennaio la giovane formazione teatrale bolognese interpreta tre musical ispirati al repertorio dei film di animazione Disney: Winter Concerto, Belle e il castello incantato (da La bella e la bestia) e Il genio e la lampada magica, che si richiama ad Aladdin.

Tra le date clou, ovviamente il 31 dicembre: a chi decide di trascorrere il veglione in Fiera, Capodanno Wonderland propone il cenone e uno spettacolo di animatori a tema Alice nel paese delle meraviglie. Alle 16.30 di sabato 4 gennaio va in scena la ginnastica ritmica, con le atlete della blasonata Asd Ginnastica Estense “O. Putinati”.

Tornando ai cartoni animati, il 5 gennaio è la volta di un fenomeno internazionale, che ha conquistato milioni di bambini in età prescolare: il bimbo-coniglietto inglese Bing che, sotto lo sguardo attento del suo tutore Flop, si aggira in Fiera, probabilmente intento a combinare qualche pasticcio! Da segnare in rosso il 6 gennaio, quando a Winter Wonderland – Natale in giostra è attesa la Befana e, con lei, le tradizionali calze per tutti i bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *