FerrAria Salute: “Dopo rapporto Ichese, stop anche a centrale geotermica” – INTERVISTE

ferrariasalute_pp

Questa mattina il comitato “FerrAria Salute” ha chiesto lo stop delle trivellazioni per il progetto della centrale geotermica prevista in via Conchetta. Un tema che sta accendendo anche la campagna elettorale in città.

Vengano rivisti i progetti per la nuova centrale geotermica e stop alle trivellazioni per la ricerca di acqua calda in via Conchetta. Ecco cosa chiede il comitato “FerrAria Salute” a diversi giorni dall’uscita del rapporto Ichese sulla relazione tra sisma e trivellazioni. Il comitato chiede che le trivellazioni per la geotermia vengano equiparate a quelle per la ricerca del gas e degli idrocarduri, in modo che rientrino anche loro nello stop delle concessioni deciso dalla Regione Emilia-Romagna.

Mario Testi, anche lui del comitato, sostiene che “non bisogna continuare a massacrare il territorio”. E alla domanda dei giornalisti sulle elezioni, Testi replica che il comitato è apartitico ma “chi è del comitato” conclude Testi, “sa per chi non votare ovvero per l’attuale sindaco Tiziano Tagliani”.

Intanto l’ambientalista Luigi Gasparini sta raccogliendo dati per capire quali rapporti ci siano tra trivellazioni per la geotermia e il sisma. Gasparini sta attendendo da tre settimane i dati dei sismografi a Casaglia, installati vicino alla centrale geotermica: rilevazioni che risalirebbero ai mesi a cavallo del terremoto del 2012, tra aprile e maggio. “Per ora non ci sono dati” sottolinea Gasparini e, continua, “sembra che la notte del terremoto del 20 maggio i sismografi di Casaglia fossero spenti”.

[flv image=”https://www.telestense.it/img-video/ferraria saluted.jpeg”]rtmp://telestense.meway.tv:80/telestense_vod/07-ferraria-salute-stop-geotermia_20140510182339.mp4[/flv]

Un pensiero su “FerrAria Salute: “Dopo rapporto Ichese, stop anche a centrale geotermica” – INTERVISTE

  • 11/05/2014 in 10:57
    Permalink

    In effetti nella mia richiesta di accesso del 22 aprile scorso e durante la conferenza stampa di ieri io ho fatto un esplicito riferimento alla stazione FERB, un tempo (non so se ancora) dedicata ad inviare i dati alla Rete Sismometrica dell’OGS di Trieste, rete gestita da un ente pubblico e comunque da un ente terzo rispetto alla Rete Sismografica Locale del Comune di Ferrara. Come ho detto chiaramente nell’intervista a me non fa piacere che tra i Referenti del Controllo Sismico del Territorio ci sia anche l’Ing. Ferraresi di Hera Ferrara (http://servizi.comune.fe.it/index.phtml?id=2593). Per me è inconcepibile che un ente come Hera, che è un ente sottoposto a controllo, sia tra i soggetti Referenti del Controllo Sismico del nostro Territorio.
    Luigi Gasparini
    Medico igienista preoccupato per la Salute Pubblica ed anche per il Rischio Sismico e Referente per la Provincia di Ferrara dell’Associazione Medici per l’Ambiente ISDE Italia – International Society of Doctors for the Environment

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.