Festival di cultura diffusa ‘Mens-a 2021’: incontro pubblico su ‘Nuovo Umanesimo’ venerdì 8 ottobre alle 17,10 alla Sala Estense

Ci sarà anche Ferrara tra le città protagoniste del ‘Festival di cultura diffusa’ dell’Emilia Romagna ‘Mens-a 2021’ dedicato al tema del ‘Nuovo Umanesimo’. L’appuntamento in città è per venerdì 8 ottobre alle 17,10 alla Sala Estense (in piazza del Municipio) per un incontro sul tema ‘Verità e storia’, con il giornalista e scrittore Pietrangelo Buttafuoco, che parlerà di ‘Tradizione e modernità’, il filosofo della religione Roberto Celada Ballanti, che interverrà su ‘Verità e storia nel pensiero moderno’, e lo storico e saggista Franco Cardini, con un intervento dal titolo ‘La Storia racconta la verità?’.

Il Festival, che oltre a Ferrara, prevede incontri a Bologna, Modena, Reggio Emilia, Parma, Vignola e Ravenna, è ideato dall’associazione Apun con la direzione di Beatrice Balsamo, in collaborazione con l’Università di Bologna, l’Università di Modena-Reggio, l’Università di Parma, l’ Accademia di Belle Arti di Bologna e l’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia Romagna, e con il patrocinio del Comune di Ferrara e degli altri Comuni coinvolti.

A introdurre e moderare l’incontro di venerdì 8 ottobre sarà l’assessore alla Cultura del Comune di Ferrara, Marco Gulinelli, che oggi in conferenza stampa ha illustrato i temi dell’evento assieme a Beatrice Balsamo e all’assessore comunale ai Rapporti con l’Università Alessandro Balboni.

“Il tema di quest’anno di Mens-a è ‘Nuovo Umanesimo’ ed è stato scelto – ha spiegato Beatrice Balsamo – perché, da una parte, la pandemia ha evidenziato sempre più la centralità dell’uomo, la sua complessità e fragilità, e, dall’altra, nel 2021 ricorrono i 700 anni della scomparsa del grande poeta Dante Alighieri. Abbiamo così pensato di riflettere sui valori dell’Umanesimo rinascimentale per concentrarci sul Nuovo Umanesimo, come stimolo potente per riflettere su responsabilità, giustizia, visione e bellezza. Per ogni città che ospiterà gli incontri di Mens-a si è pensato a delle espressioni specifiche come riferimento dell’intreccio fra Umanesimo e Nuovo Umanesimo e per Ferrara è stato il tema ‘Verità e storia’”.

“Il concetto di Nuovo Umanesimo – ha sottolineato l’assessore Gulinelli – deve diventare centrale soprattutto dopo quello che abbiamo vissuto, per evocare un passaggio epocale e perché abbiamo bisogno di forze reali che devono essere messe in campo per alimentare nuovi progetti sociali e politici. In questo periodo la ragione ci porterebbe a essere pessimisti, ma dobbiamo invece mettere l’accento sull’ottimismo della volontà”.

“Il fatto che Ferrara – ha dichiarato l’assessore Balboni – rientri finalmente nel circuito di Mens-a è per noi una grande soddisfazione e dimostra che la vivacità culturale della nostra città è confermata e ora arricchita. Ferrara ha molto da dare, anche per il futuro, sia sul piano organizzativo di eventi di questo tipo sia entrando nel merito dei temi culturali, anche grazie alle diverse personalità che può vantare”.

L’incontro di venerdì 8 ottobre alla Sala Estense è a ingresso gratuito, con posti limitati e con prenotazione da effettuare telefonando al numero 333 9370875 (accesso consentito con green pass).

Il Festival ha ottenuto il sostegno dell’Istituto Italiano di Cultura a Londra, che trasmetterà in diretta tutti gli incontri sui suoi canali social

Per info: www.mens-a.it

I temi dell’incontro e dello scambio culturale sono al centro di un festival che si snoda per le sedi universitarie emiliano romagnole, attraverso una serie di dialoghi che hanno l’aspirazione di riportare la figura umana al centro del dibattito. Un invito, lanciato da filosofi, storici, scrittori a immaginare un nuovo umanesimo. Un Umanesimo capace di nutrirsi del pensiero Rinascimentale per accompagnarci verso il mondo che ci attende dopo il virus. Personalità di estrazioni molto diverse hanno accettato di dialogare intorno ad alcune parole chiave che caratterizzeranno ognuno degli appuntamenti nelle diverse città. Con la direzione artistica di Beatrice Balsamo, gli ospiti sono stati invitati a discutere sulla complessità dell’uomo, la sua centralità, la sua fragilità, partendo dall’attualità dei valori dell’umanesimo Rinascimentale. Come in Dante l’idea del rinnovamento e della prospettiva si estende e si approfondisce, così il ‘Nuovo Umanesimo’ può essere stimolo potente per riflettere su responsabilità, giustizia, bellezza.

Mens-A è organizzato da Unibo ( Dip. di Storia Culture Civiltà, Dip. Giuridico e di Scienze della qualità della Vita) UNIMORE (Dip. Giuridico e Umanistico) e UNIPR (Dip.Umanistico), Accademia di Belle Arti di Bologna, Ass. Cultura Regione Emilia Romagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *