Fiamme Gialle prosegue controlli su “furbetti” dei contributi per la ricostruzione

guardia-finanza001Quella individuata dalla guardia di Finanza è la prima truffa scoperta nel dopo-terremoto nel ferrarese, e potrebbe non essere la sola, perché le indagini della Gdf continuano per accertare se altri imprenditori abbiano fatto i furbetti nel dopo terremoto, come i sette denunciati.

Contro i quali il gip Tassoni ha ordinato il sequestro di beni immobili e soldi (saldi attivi di conto corrente, libretti al portatore, gestioni patrimoniali e fondi comuni). Le Fiamme gialle ferraresi hanno infatti da tempo attivato controlli e verifiche sui fondi della ricostruzione, concessi agli imprenditori che hanno subito danni nel sisma del maggio 2012. Indagini che hanno avuto ed hanno tuttora la fondamentale collaborazione degli uffici della Regione Emilia-Romagna, che stanzia i fondi per la ricostruzione.

Le verifiche su altri finanziamenti concessi a imprenditori sono tuttora in corso, una campagna di monitoraggio mirato e non a campione che la Finanza ferrarese sta realizzando da tempo. Le sette denunce contro i furbetti del dopo terremoto, e e i sequestri dei loro beni, sono i primi risultati di questa attività investigativa. Attività, ribadiscono gli inquirenti, che debbono verificare tre diverse tipologie di contributi erogati dalla Regione e anche dai Comuni interessati del cratere del sima, in tutto il Ferrarese. Primi tra tutti i contributi per le infrastrutture edilizie (ricostruzione capannoni crollati o lesionati), quindi per i danni subiti ai macchinari (l’acquisto di nuovi) e per le perdite di magazzino (la produzione andata distrutta per il terremoto). Il caso emerso in questi mesi, da giugno ad oggi nel Centese, riguarda la prima tipologia. In questo caso una parte dei lavori edili l’imprenditore li aveva fatti eseguire in regola, con una ditta seria e pulita. Poi aveva pensato di lucrare sulla sua situazione di terremotato e con l’aiuto di un procacciatore e della azienda edile inesistente che fungeva da ‘cartiera’, ha inventato il trucco dei lavori gonfiati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.