Fiat fuori dall’Italia. Che accadrà in Vm?

fiat

Si chiamerà Fiat-Chrysler Automobiles il gruppo nato dall’integrazione della Fiat italiana e della Chrysler americana: sarà il settimo gruppo di produzione automobilistica al mondo, ma non avrà sede ufficiale in Italia.

Gli stabilimenti ovviamente non saranno spostati dalle loro sedi italiane e statunitensi, ma la sede legale del gruppo sarà in Olanda mentre la residenza fiscale sarà quasi certamente in Inghilterra.Scelte che ovviamente influenzeranno l’assetto industriale italiano, ma che rischiano dio avere effetti diretti anche sul nostro territorio: VM Motori, produttrice di motori diesel e azienda tra le più importanti del nostro territorio è infatti, da metà novembre, interamente di proprietà Fiat. Cambierà qualcosa?

Secondo Mario Nardini, segretario provinciale della FIOM, il sindacato dei metalmeccanici di CGIL, il rischio esiste: “Il fatto che un gruppo italiano come la Fiat si internazionalizzi, significa che le decisioni sulle politiche industriali del gruppo verranno prese sempre più lontano dall’Italia. E questo non va bene, spero che domani non significhi un vero e proprio disimpegno della Fiat dal nostro Paese”.vm-1

Diverso il parere di Carlotta Gaiani, centese e assessore alle attività produttive della provincia di Ferrara: “I fatti dimostrano – spiega – che l’appartenenza al mondo Fiat fino ad ora ha rappresentato un elemento di consolidamento per VM, non il contrario. In questa fase lo stabilimento sta investendo e si sta espandendo proprio grazie all’appartenenza al gruppo Fiat che fornisce commesse e quindi lavoro”.

Tuttavia, sul piano sindacale i contrasti non mancano: VM, applicando le regole Fiat, ha recentemente respinto la richiesta della FIOM di celebrare un’assemblea interna in orario di lavoro, in vista del congresso nazionale della Cgil. E’ il segnale di un inasprimento nei rapporti con il più importante sindacato metalmeccanico? Lo sapremo probabilmente il 7 febbraio, quando tutte le rappresentanze sindacali dovranno incontrare i vertici dell’azienda centese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *