Fiere Ferrara: “Sealogy” al via, economia blu al centro

Con la regia delle Fiere di Ferrara è partito oggi Sealogy, l’evento internazionale digitale interamente dedicato al mare e alle sue risorse. 150 i relatori che si alterneranno in quattro giorni di eventi web, tra cui esponenti di governo come il ministro Teresa Bellanova e il sottosegretario Giuseppe L’Abbate. E poi: dirigenti e funzionari della Commissione Europea, della Regione Emilia-Romagna, rappresentanti delle organizzazioni professionali europee. “E’ fondamentale – ha detto l’assessore Alessandro Balboni in apertura – che ai temi del verde e dell’ambiente si affianchi la valenza e l’importanza del ‘blu’, ossia di tutto ciò che riguarda i mari e gli oceani, che assorbono circa un terzo dell’anidride carbonica a livello globale. E’ necessario sottolineare e approfondire l’importanza dei biotopi marini, a maggior ragione per un territorio come quello di Ferrara che ha un legame fortissimo con l’acqua, sia per il fiume Po sia per il collegamento con il mar Adriatico, con diversi insediamenti di epoca romana”
Balboni ha sottolineato che Sealogy vanta un “partenariato internazionale e interistituzionale importante” e ha rimarcato che “il Comune di Ferrara sostiene convintamente iniziative come questa, che parlano di futuro e di opportunità, in un settore che presenta un indotto importante”. Qualche numero, in un Paese come l’Italia, bagnato dal mare per circa l’80% dei suoi confini: oltre 190.000 imprese di settore (il 3,2% dell’ammontare nazionale), molte delle quali guidate da donne, giovani e stranieri; 880mila lavoratori, cioè il 3,5% del dato complessivo; e, nel 2017, un valore aggiunto di 45,3 miliardi di euro (pari al 2,9% del totale). In Emilia-Romagna, le imprese afferenti ai settori della Blue Economy sono circa 26mila (il 9% del nazionale); 11.721 di queste (il 45%) hanno sede in una delle province costiere e assorbono più di 54.000 addetti (il 40% del totale regionale).
Saluti, ringraziamenti e l’augurio di buon lavoro a tutti i partecipanti sono arrivati anche da Andrea Moretti, presidente di Ferrara Fiere: “Sealogy vuol essere un punto importante nella definizione della strategia europea sulla blue economy. Con la nostra piattaforma intendiamo dare la possibilità a diversi attori, istituzionali e di settore, di condividere e approfondire i temi relativi alle innovazioni della blue economy”. “Sealogy – ha precisato Moretti – è un appuntamento di portata internazionale che, in questa forma, ha una valenza unica. Da oggi parte l’evento web, in attesa di poter strutturare l’appuntamento in presenza, alla fiera di Ferrara, la prossima primavera”, ha aggiunto Moretti. Sealogy continua oggi con focus su pesca e acquacoltura, sostenibilità del settore ittico, consumo responsabile e riduzione dello spreco alimentare e nei prossimi giorni, affrontando, tra le altre cose, i temi della gestione delle acque, il coinvolgimento delle scuole italiane, le aree portuali, i consumi energetici sostenibili nella blue economy, lo sviluppo delle competenze nell’economia blu, l’utilizzo degli spazi marini e marittimi, la qualità dei prodotti ittici, i progetti a filiera corta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *