Cordoglio dell’Ateneo estense e di Ferrara per la scomparsa del prof. emerito Giovanni Fiorentini

Passi avanti nella fusione nucleare. Ma l'energia prodotta è inferiore a quella fornita alla macchina - Agenda17Le esequie mercoledì 22 giugno, alle ore 10.00 in Santa Francesca Romana a Ferrara

Il professore emerito Giovanni Fiorentini, è venuto a mancare all’affetto dei suoi cari, alla comunità scientifica nazionale e internazionale, oltre che all’università di Ferrara,che aveva celebrato il sette giugno scorso la Cerimonia di consegna dei titoli di Professore Emerito e di Professore Onorario, organizzata dall’Università di Ferrara- Un titolo ambito e di grande prestigio a coronamento di una carriera scientifica,  accademica e istituzionale di grande valore, nell’ambito della Fisica Nucleare.

Nativo di Seravezza una cittadina in provincia di Lucca, il prof. Fiorentini, ai molti titoli conseguiti nel corso di una brillantissima carriera universitaria iniziata all’Università di Pisa, dove si è laureato con lode nel 1970,  seguita poi dall’impegno di ricerca alla Scuola Normale di Pisa è stato ricercatore dell’Istituto nazionale di Fisica Nucleare, (INFN).

Arrivato a Ferrara nel 1990 come professore ordinario, nel 1990  ha ricoperto in Unife numerose cariche scientifiche e accademiche , svolgendo la sua ricerca nell’ambito della Fisica nucleare,  dell’’Astrofisica, delle Scienze della Terra, e della medicina nucleare. Alle doti professionali e scientifiche ha sempre unito una straordinaria umanità e una simpatia nei rapporti con colleghi,  studenti , e più in generale con le persone che lo incontravano, che faceva pensare allo spirito proprio dei grandi toscani

E’ stato  Preside della facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali e direttore dell’Istituto di studi avanzati IUSS – Ferrara 1391 È stato eletto nel Consiglio Universitario Nazionale in rappresentanza dei professori ordinari di Scienze Fisiche ed ha fatto parte del Comitato Fisica del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Nell’INFN è stato membro del Consiglio direttivo, direttore della Sezione di Ferrara e quindi direttore dei Laboratori nazionali di Legnaro. ), uno dei quattro laboratori nazionali dell’INFN, dedicato alla fisica nucleare e alle tecnologie relative, dotato di circa 125 dipendenti e di circa 60 unità di personale in formazione (borsisti, dottorandi, assegnisti). Ha anche presieduto il Consorzio “Futuro in Ricerca“, organizzazione di ricerca privata con sede a Ferrara. e nel 2019 è stato nominato Professore emerito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.