Folla in centro, ipotesi chiusura piazze a Ferrara: mercoledì si decide

Dopo le immagini che abbiamo visto nello scorso fine settimana di centri città affollati di persone, in attesa che il Governo prenda provvedimento come ventilato nelle ultime ore, sono intervenuti i politici ma anche le autorità cittadine che annunciano probabili provvedimenti.

Non è da escludere il ricorso a prossime ordinanze di limitazione drastica di accesso a strade e piazze del centro storico da Ferrara, tradotto vie e piazze del centro chiuse ai pedoni.

Questo il provvedimento che le autorità ferraresi discuteranno durante il Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Ad annunciarlo è il prefetto, Michele Campanaro, che ha sentito lunedì mattina il sindaco di Ferrara, Alan Fabbri, con il quale avrebbero convenuto la necessità di intervenire per correttivi immediati sulle modalità di gestione degli afflussi nel centro della città, aggiunge il rappresentane del Governo in territorio estense. Tutto questo alla luce di quanto accaduto lo scorso fine settimana, a Ferrara come in tutta Italia, il prefetto ha presieduto lunedì mattina una riunione tecnica di coordinamento, definita una risposta contro gli assembramenti. L’alto numero di persone, sabato e domenica in centro, avrebbe richiesto interventi ripetuti e richiami da parte delle forze di polizia presenti in centro.

Prefetto che poi fa un appello ai ferraresi: “Occorre che tutti, nessuno escluso, ci impegniamo per evitare che si ripetano comportamenti irresponsabili che nulla hanno a che vedere con lo spirito natalizio, i quali rischiano” di peggiorare le “condizioni per una nuova impennata di contagi da covid” aggiunge Campanaro.

Un appello simile è arrivato dal vicesindaco e assessore alla sicurezza di Ferrara, Nicola Lodi, che sui social si dice preoccupato per le scene viste soprattutto domenica.

“Sono certo che se anche ci fossero stati 500 agenti a controllare non sarebbe cambiato nulla” aggiunge Lodi, preoccupato per i commercianti che hanno appena riaperto in sicurezza ma di questo passo, se si ripeteranno scene di folla in centro, “avranno conseguenze ben più gravi” avverte Lodi il quale puntualizza che “serve arrivare fuori dalla pandemia con responsabilità”.

“Raccomandare prudenza è giusto, lo facciamo sempre, ma c’è una contraddizione nel consentire azioni e comportamenti che poi si vorrebbe la gente non facesse”. Così è intervenuto Raffale Donini, assessore alla salute della Regione Emilia-Romagna, che punta il dito contro i decisori politici nazionali i quali hanno riaperto tante attività e quindi dato la possibilità alle persone di fare quanto successo.

“La Germania ha sciolto questa contraddizione” sottolinea Donini riferendosi al paese che da mercoledì entrerà in un duro lockdown fino a gennaio, con la chiusura di tutte le attività non essenziali.

One thought on “Folla in centro, ipotesi chiusura piazze a Ferrara: mercoledì si decide

  • 14/12/2020 in 21:28
    Permalink

    Che Il signor Lodi si dica preoccupato degli assembramenti in piazza è tutto dire …ma accidenti chi sono quelli che hanno fatto fare alberi di Natale a go go luci splendenti in poche parole ha creato le premesse per ciò che sarebbe successo questa è la prova provata che se fossero stati loro al comando in questa pandemia avremmo avuto il doppio di morti ma basta ferraresi aprite gli occhi state tranquilli arriverà il momento in cui si tornerà ad abbracciarsi ora con 500 morti al giorno concentriamoci su un Natale di fede e speranza che il virus lo batteremo nell’affetto dei nostri cari pensiamo che i morti potrebbero essere nostro padre mostra madre ……..

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *