Franceschini è ministro ai Rapporti con Parlamento

02 FranceschiniIl governo Letta ha un esponente ferrarese. Si tratta di Dario Franceschini, avvocato, scrittore e nuovo titolare del dicastero dei rapporti con il parlamento. L’ultimo ministro estense era stato Nino Cristofori, impegnato tra il 1992 ed il 1993 al dicastero del Lavoro e della Previdenza Sociale. La sua attività politica ebbe inizio ai tempi del liceo scientifico Roiti, quando nel 1974 fondò l’Associazione Studentesca Democratica, di ispirazione cattolica e centrista. Iscrittosi successivamente alla Democrazia Cristiana, nel 1980 diventa consigliere comunale di Ferrara e nel 1983 capogruppo consiliare.

In questo decennio, cresce politicamente nel movimento giovanile DC, fondando e dirigendo alcune riviste politiche. Nel 1993, nella fase di trasformazione della Democrazia Cristiana in Partito Popolare Italiano, chiede all’Assemblea Costituente di scegliere la via dell’alleanza tra centro e sinistra, scelta contrastata che lo porterà ad aderire nel ’94 al movimento dei Cristiano Sociali, fondando il movimento stesso a Ferrara e divenendone Consigliere Nazionale. Rientra nel Partito Popolare Italiano nel ’97, ai tempi dell’Ulivo, con l’elezione a vicesegretario nazionale. Gli anni 2000 vedono una sua continua escalation, nella nascita prima della Margherita e successivamente del Partito Democratico con la fusione con i Democratici di Sinistra.

Se nel 2007 la prima segreteria è appannaggio di Walter Veltroni, toccherà proprio a Franceschini nel 2009 a prenderne le redini, con l’indimenticabile giuramento su una copia della Costituzione Italiana, davanti al castello Estense, assieme al padre Giorgio, ex-partigiano ed ex-deputato. Da oggi dunque, a Dario Franceschini spetta un nuovo importante incarico, in un governo che vede una difficile ed impegnativa alleanza col centro-destra e che lo stesso esponente ferrarese, anche a fronte di alcune contestazioni avvenute soltanto pochi giorni fa, aveva ritenuto inevitabile.

%CODE%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *