Fridays For Future: presidio in Piazza Municipale

Venerdì 11 dicembre a partire dalle 17.00, il gruppo Fridays For Future Ferrara ha organizzato un presidio statico sotto la sede del Comune di Ferrara in piazza del Municipio, lo slogan dell’evento è “Fight For 1.5!”.

Il presidio si è incentrato sul 5° Anniversario della firma degli accordi di Parigi, un trattato sul clima internazionale e giuridicamente vincolante che vede la cooperazione di 196 paesi con lo scopo di contrastare la crisi climatica, per arrivare all’obiettivo di neutralità di emissioni entro il 2050 e bloccare l’aumento della temperatura media globale a 1.5 Gradi.

L’Italia che cosa sta facendo per impegnarsi a mantenere questo obiettivo? Il presidente del consiglio Conte ha annunciato di voler collaborare con i 6 maggiori amministratori delegati delle multinazionali più inquinanti d’Italia, possedute dallo Stato, come: ENI, ENEL, SNAM, Ferrovie dello Stato, LEONARDO Finmeccanica, Cassa depositi e prestiti.

Questo tavolo è avvenuto a ridosso dell’incontro del Consiglio Europeo, che si è svolto dal 9 all’11, per la discussione dei nuovi target in materia di clima dell’UE.

Le lobby del fossile sono già pronte a dividersi i fondi europei del Next Generation EU, ne è un esempio calzante il progetto di ENI di creare un centro di stoccaggio di CO2 a Ravenna, con l’intenzione di attingere 12 miliardi dai fondi europei. Sostenendo le istanze della campagna nazionale NO CCS, NÉ A RAVENNA NÉ ALTROVE, Fridays for Future Ferrara si dichiara contraria a questo progetto, un puro greenwashing della multinazionale petrolifera.

Il nostro messaggio allo Stato è che finanziando le lobby del fossile, senza programmare progetti di vera transizione ecologica e abbandono dei fossili, non sarà possibile mantenere l’obiettivo della neutralità climatica che ci si è impegnati a raggiungere con l’Accordo di Parigi.
Gli investimenti vanno indirizzati a progetti virtuosi per la sostenibilità, cancellando i sussidi ai fossili per indirizzarli al settore delle energie rinnovabili.

(Comunicato FFF)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *