Inseguimento rocambolesco in città: gli sviluppi

Probabilmente era completamente ubriaco il giovane di origine moldave ma cittadino della Romania di 25 anni che ieri pomeriggio non si è fermato all’alt della Guardia di Finanza.

Questo almeno secondo le Fiamme Gialle, che hanno fatto sapere il tasso alcolmenico che l’autista aveva nel sangue: 2,55 grammi litro, ben al di sopra del limite.

Domenica pomeriggio movimentata per gli uomini della Guardia di Finanza che attorno alle 17 e 30 hanno inseguito una Fiat Marea che non si era fermata al semaforo rosso in viale Cavour. Dopo un inseguimento a tutta velocità per le vie della città, la folle corsa si è bloccata in via Giovanni XXIII, dove il conducente è scappato a piedi.

E’ intervenuta anche la Polizia stradale e gli agenti hanno esploso tre colpi d’arma da fuoco in aria per intimargli l’alt, ma lui è scappato lo stesso. Inseguito a piedi dalle Fiamme Gialle, il giovane ha rischiato anche la vita quando si è ferito a una coscia, con il rischio di ledere l’arteria femorale, con le punte di un cancello che tentava di scavalcare.

Gli uomini della Guardia di Finanza, supportati dalla Polizia stradale, sono così riusciti a fermarlo. Il 25enne è stato operato d’urgenza all’ospedale di Cona dove ora versa in condizioni gravi ma non è in pericolo di vita.

Il giovane, disoccupato e incensurato, è piantonato in ospedale in stato di arresto. L’auto su cui era a bordo con una donna e un altro uomo è risultata poi intestata, dopo le prime indagini, ad un giovane moldavo residente a Rovigo.

Gli uomini delle Fiamme Gialle rimasti contusi durante la colluttazione con il 25 enne invece sono stati giudicati guaribili in pochi giorni.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=0740214f-5488-4c0a-b315-770018850957&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *