Futuro palaspecchi, Tagliani: “Lunedì giornata fondamentale”

Tiziano Tagliani, sindaco di Ferrara
Tiziano Tagliani, sindaco di Ferrara

Tornano ad accendersi i riflettori sul palaspecchi e lunedì potrebbe essere una giornata fondamentale per il suo futuro. Questo almeno per il sindaco di Ferrara, Tiziano Tagliani, che tramite una nota spiega la sua posizione su questa vicenda e interpella, anche, i ferraresi.

Il progetto che insiste, adesso sul palaspecchi, è l’unica occasione concreta di riqualificazione dell’edificio simbolo del degrado cittadino degli ultimi 30 anni.

Parola di Tiziano Tagliani, sindaco di Ferrara, che con un intervento affidato al sito cronacacomune.it, ha voluto sottolineare l’importanza del passaggio della delibera sul palazzo degli specchi, lunedì in Consiglio comunale.

PROGETTO AL PALASPECCHI. Ricordiamo che il progetto prevede 260 alloggi di edilizia residenziale sociale per studenti, single e giovani coppie, più fabbricati di edilizia residenziale, commerciale e direzionale di pregio, oltre al verde pubblico. In più la società privata proprietaria della struttura abbandonata si è impegnata, con una fideiussione a garanzia, a ristrutturare e cedere al Comune uno degli edifici da destinare a delegazione comunale e sede della Polizia Municipale.

palaspecchiTAGLIANI: “COSA SUCCEDE SE LA DELIBERA NON PASSA”. “Se la delibera, lunedì, non verrà approvata”, ha sottolineato Tagliani, “il progetto si bloccherebbe e il Comune intascherebbe la fideiussione da 6,8 milioni di euro”, che scade a fine maggio. Per il primo cittadino, significherebbe fare il comando della Polizia municipale da un’altra parte, “magari cementificando aree vergini invece di riqualificare quelle degradate e il palaspecchi rimarrebbe così come è” conclude Tagliani. Con questo intervento il sindaco ha voluto ricordare anche la storia recente della struttura e ha sottolineato che la proprietà del palaspecchi è completamente privata, della società “Ferrara 2007” del gruppo Parsitalia.

ATTACCO ALLA LEGA NORD. Non manca, inoltre, da parte del primo cittadino, un attacco alla Lega Nord, che da tempo interviene sulla vicenda: l’ha definita “una forza politica che non ha fatto altro che tentare di boicottare” il progetto, scrive Tagliani, il quale auspica che le opposizioni in Consiglio comunale non si accodino al partito del Carroccio.

L’APPELLO ALLA CITTA’. Il sindaco, infine, nel suo lungo intervento fa un appello alla città: a Tagliani interessa “sapere cosa pensa la città” del caso palaspecchi e se, tra le altre realtà estensi come la società civile, le associazioni economiche e la stampa, queste se ne “staranno alla finestra oppure esprimeranno una posizione netta” su quale futuro vogliono per una delle vicende più annose della storia recente di Ferrara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *