Sicurezza in GAD, la Questura scende in campo – INTERVISTA QUESTORE

Controlli straordinari nella zona GAD di Ferrara, a partire dal 4 settembre, e per alcune settimane.

E’ questo il progetto illustrato in conferenza stampa dal questore Antonio Sbordone, e che la stessa Questura di Ferrara effettuerà con la collaborazione del reparto Prevenzione Crimine di Bologna, che invierà uomini e mezzi di rinforzo.

Obiettivo, utilizzare i mezzi a disposizione delle Forze dell’ordine per contrastare il degrado, gli episodi di criminalità, ma anche il senso di insicurezza dei cittadini che vivono in quella parte della città.

 

 

L’operazione progettata dalla questura di Ferrara sarà preceduta, dal prossimo lunedì 28 agosto, dall’operazione Periferie sicure, voluta dal ministero dell’Interno e confermata in queste ore dalla Prefettura, che per una settimana toccherà anche Ferrara e vedrà la forze dell’ordine collaborare, anche qui, sugli obiettivi della legalità e dell’ordine pubblico nella zona GAD.

Per la Polizia di Stato, ad esempio, questo significherà un impegno di due o tre pattuglie in più per ciascun turno, grazie alla collaborazione del reparto prevenzione crimine di Bologna diretto dal vice questore Cosimo Mancini. In conferenza stampa, accanto al questore Sbordone e al vice questore Mancini, c’erano il capo di gabinetto Pietro Scroccarello, il vice questore vicario di Ferrara Francesca Montereali e Renato Angeletti, dirigente dlele Volanti. Dal questore è venuta anche una valutazione dlele ragioni che hanno reso la GAD così problematica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *