Nuova aggressione in Gad dopo la rapina alla 32enne

Ancora un’aggressione in zona Gad, per fortuna meno violenta di quella avvenuta lo scorso giovedì ai danni di una ragazza, che ha riacceso il dibattito sulla sicurezza nell’area.

Non voleva acquistare droga e per questo, almeno stando alla sua ricostruzione, è stato aggredito da alcuni pusher.

È successo sabato sera, nei giardini fra viale Costituzione e viale Po dove un uomo che stava passando con la sua bicicletta, è stato prima avvicinato da un uomo di colore che gli ha proposto di acquistare stupefacenti, poi davanti al suo rifiuto, con l’aiuto di altri due pusher, lo ha aggredito. Alla vittima, che subito dopo è fuggita chiamando il 113, è stata anche rubata la bicicletta.

Un’aggressione per fortuna meno violenta, rispetto a quella dello scorso giovedì, di cui è stata vittima una giovane ragazza di 32 anni. Avvicinata da cinque persone, in Piazza XXV Maggio, è stata picchiata e derubata dei 500 euro che aveva nella borsa. Sull’accaduto sta indagando la Squadra Mobile di Ferrara.

  • 01 dicembre 2017 – ore 20.20
aggressione
La donna di 32 anni dopo l’aggressione (foto da profilo Facebook di Nicola Lodi)

Cinque individui, nella notte, avrebbero aggredito, malmenato e rapinato, in piazza XXIV Maggio, nei pressi dell’acquedotto di Ferrara, una donna di 32 anni, S.M. le iniziali.

Poco prima delle 22 di giovedì sera, alla donna sarebbero stati portati via anche 500 euro che aveva in borsa.

Questa, in sintesi, la testimonianza riportata dalla 32enne agli agenti della Polizia di Stato.

Nella tarda serata, la 32enne, aggredita mentre stava per raggiungere l’abitazione del fratello dopo una serata passata con le amiche, si sarebbe presentata in Questura a Ferrara con il volto tumefatto, con varie escoriazioni e ferite. Immediato il soccorso da parte del 118 che l’ha accompagnata in ospedale per accertamenti: dimessa nella notte, i medici le hanno diagnosticato sette giorni di prognosi.

La donna, mentre era al pronto soccorso, avrebbe raccontato agli agenti della Polizia di Stato di essere stata aggredita da cinque stranieri e di aver trovato su una panchina, vicino alla zona dell’aggressione, la sua borsetta aperta con a fianco il suo portafogli dal quale mancavano 500 euro. Sono in corso indagini da parte della Squadra Mobile per ricostruire l’esatta dinamica dei fatti.

“Il quartiere deve scendere in strada e dobbiamo riappropriarci della sicurezza. Prefetto e questore sveglia, sveglia, sveglia”: queste le parole, affidate a Facebook, da parte di Nicola Lodi, segretario comunale della Lega Nord di Ferrara, che così ha commentato l’accaduto.

Luigi Vitellio, segretario provinciale del PD Ferrara, in una nota scrive: “La foto della ragazza aggredita fa raggelare il sangue. E’ nostro preciso dovere chiedere al Questore che si faccia al più presto chiarezza sulla vicenda e individuare i responsabili di questo atto terribile”.

2 pensieri riguardo “Nuova aggressione in Gad dopo la rapina alla 32enne

  • 01/12/2017 in 14:27
    Permalink

    Anche piazza Cacciaguida preda degli spaccini e tossici. Siringhe ovunque.Oggi sul Carlino i residenti protestano. Andiamo in piazza. Andiamo in piazza XXIV maggio.Tutti.Coinvolgiamo con volantini gli abitanti di piazza Cacciaguida, vicino via Garibaldi

    Rispondi
  • 03/12/2017 in 21:11
    Permalink

    Modonesi, Vitelio siete riusciti ad accendere il fuoco, così avete scoperto l’acqua calda: i migranti cattivi, cattivi.
    Ma dove eravate in questi ultimi anni? A caccia di “percezioni”? Spero che i ferraresi si accorgano della vostra ipocrisia e vi mandino a “percezionare” in altri lidi.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *