Geotermia: Tagliani difende il sondaggio

tagliani

Il sindaco Tagliani difende la scelta di sottoporre a sondaggio il progetto Hera di ampliamento della geotermia con la creazione di nuovi pozzi per il prelievo di acqua calda in via Conchetta, nella zona del vecchio inceneritore.

Lo fa con una lettera pubblica, che si rivolge ai cittadini e alle forze politiche: “avevo promesso una consultazione ed ho fatto l’unica cosa corretta da fare: un sondaggio tecnico – scientifico ad  ampia rappresentatività (che potete leggere sul sito del Comune integralmente) nel rispetto del nostro regolamento sugli strumenti partecipativi del Comune”.

Il sindaco critica le forze di opposizione che si sono mobilitate mettendo in dubbio l’affidabilità del sondaggio e la bontà del progetto di Hera: il movimento cinque stelle, ma anche le formazioni di centrodestra, da Forza Italia di Cimarelli al GOL di Francesco Rendine. Il progetto di via Conchetta, spiega Tagliani, è un’occasione per guardare al futuro della città, riduce il ricorso a combustibili fossili per il riscaldamento e quindi ha delle potenzialità di miglioramento ambientale tali per cui, in ogni altra parte del mondo, “lo avrebbero già fatto, come noi lo facemmo già 25 anni fa”.

“Pagherò volentieri qualsiasi prezzo elettorale – conclude Tagliani – per evitare le furbizie di un tempo, o fingere che quello che è perfettamente lecito, anzi ottimo, a Porotto Casaglia o Mizzana è una tragedia in via Conchetta”: ma la campagna elettorale è cominciata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *