Giornalismo culturale ed eventi: ecco quale futuro – VIDEO

In un Paese dove la cultura e il turismo sono fra le risorse economiche più importanti qual è lo stato di salute del giornalismo culturale in Italia?

A questo tema ha cercato di rispondere un seminario dal titolo “Il giornalismo culturale: professionalità e deontologia” organizzato dalla Commissione Cultura dell’ordine nazionale dei giornalisti. Il seminario è un format nato nell’aprile 2016 a Cagliari ma oggi esportato.

 

 

Sabato mattina è arrivato,i in occasione del festival del giornalismo di Internazionale, nella sala del consiglio comunale di Ferrara. Voci di Radio Rai come Giorgio Zanchini, l’assessore alla cultura di Ferrara Massimo Maisto, Roberto Caramelli giornalista di Viaggi di Repubblica, una blogger, Francesca Madrigali e alcuni rappresentanti dell’ordine dei giornalisti oltre al presidente dell’ordine regionale, Antonio Farné, che hanno tentato di fare il punto della situazione.

Nonostante il settore del giornalismo e dell’informazione in genere stia attraversando un momento di contrazione, ad esempio edicole che chiudono in conseguenza a copie di giornali sempre meno vendute, le notizie infatti oggi passano sempre più attraverso il web e i social, è stato dimostrato che un evento culturale o un appuntamento turistico funziona meglio se passa per i canali dell’informazione a partire da quella su carta per finire a quella del piccolo schermo. E proprio la cultura, o meglio chi la fa, è stato il tema centrale del Premio stampa 2016 la cui cerimonia è seguita allo stesso seminario.

Il premio che è un riconoscimento storico dell’Associazione della Stampa di Ferrara infatti quest’anno è andato a uno scrittore di Comacchio, Marcello Simoni, archeologo e bibliotecario, vincitore del premio bancarella nel 2013 per il suo romanzo thriller. Il presidente dell’associazione stampa, Riccardo Forni a Simoni ha consegnato il riconoscimento rappresentato da un’opera dell’artista bolognese Gisueppe Cavallini ed intitolata “Nuda Verità”.

Il Premio alla carriera 2016 la stessa Associazione Stampa di Ferrara lo ha conferito al rappresentante dell’azienda di Argenta che produce ed esporta cous cous, Luciano Pollini e due menzioni speciali: al giornalista del mondo del Tennis, Gianni Clerici e all’ex amministratore del Comune di Voghiera e appassionato di cultura, Ottorino Bacilieri scomparso prematuramente nel 2015. Per lui ha ritirato il riconoscimento la figlia, Maria Elena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *