Giornalismo, oggi a Ferrara il Premio Stampa 2015

L’informazione e il suo ruolo chiave nel comunicare le scoperte nel campo della medicina. Ma anche il ruolo importante del giornalismo per far sì che il Bel Paese abbia un’immagine positiva, sopratutto all’estero affinché si crei un’incoming turistico. E ancora. Il ruolo del giornalismo nel campo giudiziario: ossia come un’inchiesta di un giovane cronista può far riaprire un caso chiuso, 27 anni fa, senza i colpevoli

Sono solo alcuni degli aspetti toccati dalla cerimonia che questa mattina si è tenuta nella sala consiliare del Municipio per celebrare il Premio Stampa 2015. Una serie i di riconoscimenti a chi si è distino per aver avuto un ruolo sociale importante ma anche un ruolo giornalistico diverso dal comune nel corso degli ultimi anni.

Al medico genetista Bruno Dallapiccola l’associazione che da anni porta avanti il premio, l’Associazione stampa di Ferrara, oggi presieduta da Riccardo Forni, ha voluto consegnare il prestigioso riconoscimento attraverso la figura del ministro per la Cultura, il ferrarese Dario Franceschini.

E poi il premio alla carriera, a un giornalista scomparso, ex direttore de Il Resto del Carlino, Giorgio Resca, ricordato nel corso della cerimonia, da un suo diretto concorrente, il direttore e fondatore della Nuova Ferrara, Enrico Pirondini. Il premio, davanti alle autorità locali presenti, sindaco, assessori, prefetto, questore, comandante provinciale dei carabinieri, lo ha ritirato la giovane figlia Giulia, oggi consigliere comunale.

E poi due menzioni: una per il mondo dello sport a un grande allenatore della Spal, Gibì Fabbri. Il riconoscimento consegnato dall’assessore allo sport, Simone Merli, lo ha ritirato la figlia, Elena.

Un’altra menzione è andata a un politico scomparso del territorio: Alfio Ghedini. La sua figura l’ha ricordata un rappresentante del settore cultura dell’ordine dei giornalisti, Alberto Lazzarini che ha consegnato il premio alla figlia dell’ex attivista socialista, Camilla Ghedini, oggi giornalista freelance.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *