Gli uffici postali che lunedì chiudono

Chiudiamo cinque uffici postali tra Ferrara e provincia perché ce lo impongono la spending review e la necessità di tagliare i servizi non economicamente sostenibili. Le Poste giustificano così la chiusura degli sportelli di Marrara, Monestirolo, Monticelli, Saletta e Ospital Monacale.

Chiusure che scatteranno a partire da lunedì prossimo, dopo domani, come riporta un fax spedito dalla direzione delle Poste ai sindaci e alla presidenza della Provincia di Ferrara.

Le serrate dovevano essere eseguite il 30 novembre, ma le Poste hanno dato tempo ai sindaci di elaborare una controproposta, evidentemente respinta nelle ultime ore. Fallisce così la trattativa iniziata dopo la protesta di novembre dei primi cittadini, che negli ultimi giorni avevano presentato varie controproposte.

Ad esempio convenzioni di servizio tra i comuni e le Poste ,che risollevino le sorti economiche degli sportelli a rischio chiusura. Oppure la proposta dell’amministrazione di Ferrara che proponeva l’istituzione dello sportello Amico negli uffici postali: in sostanza poteva essere affidato agli sportelli il compito di rilasciare certificati anagrafici. Ma le Poste hanno rifiutato e da dopo domani i cinque uffici non apriranno.

Inoltre, sempre a partire da lunedì, altri sportelli diminuiranno gli orari di apertura. Le Poste di Vaccolino e Rovereto resteranno aperte tre giorni alla settimana, il martedì, il giovedì e il sabato. Anche Bando passa da quattro a tre giorni di apertura e Campotto da tre a due.

I principali disagi laddove le Poste subiranno questi tagli e chiusure saranno la spedizione di pacchi e lettere, ma anche il pagamento di bollette o il ritiro della pensione per gli anziani.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=c846c88b-6281-4585-84f5-65d5898039b9&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *