Grattacielo al freddo: lavori bloccati, perché?

03 grattacielo freddo

Sarà un altro inverno gelido per i residenti del grattacielo. Oltre al debito con Hera infatti, c’è la questione dei lavori per la trasformazione dell’impianto di teleriscaldamento, bloccati a causa della ventilata presenza di amianto.

Stanchi di una situazione che ha costretto diverse famiglie a lasciare l’appartamento di proprietà, per rifugiarsi da parenti o cercare una soluzione in affitto, una trentina di residenti ha preso carta e penna per chiarire i termini della vicenda.

Nella lettera arrivata in redazione, si ricorda come i lavori al teleriscaldamento, siamo nel novembre 2012, si erano resi necessari per l’età dell’impianto esistente, più costoso in termini di riparazioni e manutenzioni, di quanto non fosse sostituirlo, ma anche per l’esigenza di rendere autonomi i singoli appartamenti, visto che sono sempre più numerosi i condomini che non pagano le spese condominiali.

All’inizio del mese di aprile, prosegue la nota, era stato deciso a chi affidare i lavori, ma dopo poco, alcuni condomini hanno avuto il sospetto che tra i rottami della demolizione di una condotta, da cui dovevano passare le nuove tubature, ci fosse una presenza di amianto.

Il 28 agosto scorso, quegli stessi residenti hanno ufficializzato questa loro denuncia in una email, che faceva riferimento ad esami effettuati da un03 grattacielo freddo-2 non meglio identificato laboratorio, peraltro mai presentati.

Nei giorni successivi l’Asl ha effettuato un campionamento, decretando il fermo del cantiere fino al termine delle necessarie verifiche i cui risultati, dopo le analisi effettuati dal laboratorio di Arpa, arrivati il 14 ottobre, confermano, in realtà, l’assenza di amianto se non in una minima quantità relativamente al materiale della condotta.

In conclusione, la lettera firmata da una trentina di residenti, ricorda che i problemi del grattacielo, non dipendono da una cattiva amministrazione, come qualcuno vorrebbe far credere, bensì dall’elevato numero di condomini che, non pagando le spettanti quote condominiali, hanno determinato uno stato di grave morosità, da non riuscire ad avere una normale gestione dei bilanci e delle spese.

Un pensiero su “Grattacielo al freddo: lavori bloccati, perché?

  • 27/11/2013 in 21:31
    Permalink

    mmh … trattasi per caso della “cordata” di condòmini pro Davì?? Il sospetto sorge spontaneo…..

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *