Gruppo Archeologico Ferrarese al San Bartolo con Mosaici in libertà

Ogni settimana il DAISMDP (Dipartimento Assistenziale Integrato Salute Mentale Dipendenze Patologiche) dell’AUSL di Ferrara, situato presso il Convento di San Bartolo, si trasforma per qualche ora in un vero e proprio laboratorio di archeologia.

Dal 2008 il Gruppo Archeologico Ferrarese, con la supervisione della Soprintendenza Archeologia, Beni Culturali e Paesaggio dell’Emilia Romagna, realizza al suo interno il progetto di archeoterapia “Mettiamo insieme i cocci” al fine di creare stimoli e di offrire nuove opportunità di integrazione a persone con disagio psichico. Gli ospiti che partecipano al progetto realizzano così un vero e proprio “lavoro” di archeologia: setacciano il terreno proveniente da attività di ricognizione e scavo, selezionano, puliscono e catalogano ì frammenti ritrovati e dal 2011 hanno dato vita a una nuova importante attività, la realizzazione di mosaici di varie epoche e provenienza.

I mosaici realizzati sono di buona fattura, ma vista la mancanza di risorse economiche, le tessere vengono ancora oggi preparate in modo artigianale, con l’utilizzo di scagliola.

Il Gruppo Archeologico Ferrarese ha così ideato all’interno dell’area di San Bartolo un evento specifico per far conoscere questo progetto, mettendo in mostra i lavori realizzati ma dando allo stesso tempo l’opportunità agli intervenuti, con una libera e volontaria offerta, di poter avere per sé un mosaico e contribuire in questo modo a sostenere fattivamente la prosecuzione e l’implementazione di questa attività, che a detta degli operatori, ha dato ottimi risultati anche sotto l’aspetto terapeutico.

Si tratta di MOSAICI IN LIBERTA’ in programma per sabato 2 febbraio alle ore 10:00 presso la Sala “Frantz Fanon” – Convento di San Bartolo Via San Bartolo 119.

L’iniziativa, che ha ricevuto il patrocinio del Comune di Ferrara, è rivolta principalmente ad Enti e associazioni del territorio e a tutta la collettività ferrarese, sempre aperta e sensibile verso iniziative in campo sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *