“Guardare il mondo con altri occhi”

800px-MichelangeloAntonioniFoto-2

“Grazie a questa iniziativa sono entrata con mio figlio, per la prima volta in un museo, ed è stata una scoperta straordinaria, posso davvero dire che mi si è aperto un mondo nuovo e fantastico”.

Sono le parole di una mamma che, con il figlio, ha partecipato al progetto ideato e realizzato dalla Fondazione Ferrara Arte, in collaborazione con Eni, “Guardare il mondo con altri occhi”!, percorsi didattici attorno al cinema di Antonioni.

Le parole che abbiamo riportato, sottolineate anche nel corso della conferenza stampa conclusiva, sono probabilmente il più bello e significativo omaggio ad una idea che ha registrato 2.120 presenze complessive, numero che conferma la necessità di continuare ad investire nella sperimentazione di attività didattiche e culturali, rivolte ad un pubblico di ogni età.

L’elevata partecipazione al progetto, è un dato che risulta particolarmente significativo anche alla luce del fatto che , nel corso dello stesso anno scolastico, era già stato proposto un programma dedicato alla mostra sulle collezioni civiche d’arte moderna disallestite dopo il terremoto, che pure aveva riscosso grande attenzione come si può cogliere dalle 2.078 prersenze.

L’obiettivo, che si può dire ampiamente raggiunto, è stato quello di permettere alle scuole, alle famiglie ed agli adulti di riscoprire, ma anche di scoprire, il fondamentale ruolo del regista ferrarese nella storia del cinema e il fecondo dialogo che la sua opera ha instaurato con altri linguaggi artistici.

E proprio le iniziative dedicate ai giovani e agli adulti sono risultate particolarmente gradite: l’incontro organizzato in collaborazione con Arci Ferrara e Università per gli ultimi anni delle scuole secondarie ed il ciclo di conferenze, “L’orizzonte di Antonioni”, organizzato assieme al teatro Comunale ed altri soggetti.

Infine, in termini assoluti di presenze complessive, con 800 visitatori, l’iniziativa maggiormente partecipata è risultata la serie di visite animate alla mostra a cura dell’associazione culturale “Senza titolo”, destinata alle scuole primarie e secondarie di primo grado, genitori e bambini.

%CODE%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *