Evasione e lavoro nero, le piaghe dell’economia: bilancio durante anniversario Guardia Finanza

guardia finanza

Ieri anche la Guardia di Finanza di Ferrara ha celebrato i 243 anni trascorsi dalla Fondazione del Corpo e, durante la cerimonia, è stato fatto un bilancio dell’attività dei primi mesi del 2017. Diversi i milioni di euro sequestrati nel corso delle operazioni messe a segno dalle Fiamme Gialle.

L’evasione fiscale continua a essere una piaga per l’economia ferrarese. Come il lavoro nero.

guadia finanza cerimoniaIn un anno, è peggiorata la situazione in questi due campi tenuti sotto osservazione dalla Guardia di Finanza che ha fatto il bilancio della propria attività da gennaio a fine maggio del 2017, nel corso della cerimonia, che si è tenuta venerdì, nella Caserma di via Palestro, dove è stato celebrato il 243º Anniversario della Fondazione del Corpo.

Nel corso della cerimonia, il Comandante Provinciale, il colonnello Sergio Giovanni Lancerin, oltre ad aver consegnato le ricompense ai militari che si sono distinti nelle varie operazioni, ha stilato anche un bilancio dei primi cinque mesi dell’anno.

50 gli “evasori totali” scoperti nella città estense, il doppio rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Sequestrati, in tutto, più di 2 milioni e mezzo di euro tra beni mobili, immobili e risorse finanziarie. Sale invece a 20 milioni di euro il valore dei patrimoni di provenienza illecita scovati nel ferrarese, riconducibili a soggetti ritenuti dalle Fiamme Gialle, “evasori fiscali socialmente pericolosi”.

guardia finanza lancerinDati negativi anche per quel che riguarda il lavoro nero: se l’anno scorso, nello stesso periodo, la Guardia di Finanza scoprì 33 lavoratori irregolari, quest’anno i militari ne hanno scovati 49, 16 lavoratori “in nero” in più. L’Ispettorato Territoriale del Lavoro ha anche emesso un provvedimento di sospensione dell’attività nei confronti di un datore di lavoro, denunciato per aver assunto stranieri privi del permesso di soggiorno.

C’è chi, poi, avrebbe lucrato sulla ricostruzione post-terremoto del 2012: oltre mezzo milione di euro sarebbe stato percepito da soggetti a caccia di contributi pubblici, anche se non ne avevano diritto. Rilevanti, tra gli altri, anche i controlli anti-terrorismo effettuati dalle Fiamme Gialle, 29 i money transfer controllati nel ferrarese: obiettivo contrastare il riciclaggio di denaro ‘sporco’ che finanzia il terrorismo internazionale.

guardia finanza anniversario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *