Più di 80 mln di euro investiti nella rete idrica e in geotermia a Ferrara – VIDEO

Più di 80 milioni di euro da investire nella rete idrica e del teleriscaldamento derivante anche dalla geotermia.

E’ quanto investirà Hera a Ferrara fino al 2021.

 

 

Migliorare il sistema che porta l’acqua nelle case dei ferraresi, diminuendo le perdite lungo la rete e cercando di rendere più efficiente il servizio, oltre ad abitazioni servite dal teleriscaldamento cercando di abbattere le emissioni inquinanti nell’ambiente.

Questi gli obiettivi degli investimenti di Hera nel settore idrico e del teleriscaldamento partiti l’anno scorso e che andranno avanti fino al 2021.

56 milioni di euro per il settore acqua, 25 milioni per il gas e teleriscaldamento: più di 80 milioni di euro che la multiutility spenderà nel ferrarese in accordo con l’Amministrazione comunale.

Negli ultimi anni, sul sistema idrico, è stato investito il doppio rispetto alla media italiana è stato detto in conferenza stampa: acquedotti, tubature, fogne sono al centro di lavori iniziati l’anno, un annata definita “terribile” a causa della forte siccità. Tra gli interventi più importanti in programma, la ristrutturazione del depuratore cittadino in via Gramicia per 5,4 milioni euro.

Il settore teleriscaldamento a Ferrara rappresenta una fetta energetica importante: 24 mila gli appartamenti serviti, e con gli investimenti di questi anni si collegherà anche il Barco e la zona sud di Ferrara che comprende le “Corti di medoro” ex palaspecchi alla rete.

Al 2021, la produzione aumenterà di un quarto rispetto a quella attuale, con un abbassamento delle emissioni inquinanti del 38% di CO2 e del 30% di NOX.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *