HOCKEY: Ferrara cade a Padova

Non si concretizza la rimonta, dopo l’1-7 del primo tempo

La squadra di coach Buzzo arriva a Padova al gran completo, compresi i nuovi innesti Fink, Leben e Grancara. Nonostante si sia disputato un solo allenamento pre partita il talento in campo non manca e premesse e aspettative erano ben altre.
La squadra scende in campo contratta, tesa incapace di applicare gioco, schemi e lasciando ampi spazi di manovra al Padova.
Il Padova affronta la gara con la consueta grinta e determinazione che gli consentono di tenere ben salde le redini del gioco e di approfittare delle larghe maglie lasciate dalla difesa estense potendo in questo modo rifilare 4 reti nel giro di 5 minuti ai malcapitati Warriors.
Le quattro “sberle” ricevute hanno ulteriormente intontito la squadra che nell’arco del primo tempo riesce a recuperare un gol ma a subirne altri 3. Si torna all’angolo con un punteggio di 7 a 1 per i Ghosts Padova.
La pausa porta consiglio, si analizzano gli errori che hanno portato al disastroso risultato del primo tempo, si studiano le pezze da applicare e si prova a suonare la carica per tentare l’impresa impossibile.
L’impresa però è davvero tale. Nonostante un Weger efficacissimo (6 punti per lui anche oggi), una squadra finalmente ordinata che applica i fondamentali della difesa e che riesce a portarsi efficacemente in avanti, non ce la si fa. Il punteggio si ferma sull’8 a 5 per i padroni di casa.
Era una partita decisamente alla portata del Ferrara ma in questo caso non si può parlare di malasorte o di occasione mancata, si è trattato semplicemente di una partita interpretata pessimamente e giustamente vinta dagli avversari.
Sabato prossimo inizierà il girone di ritorno e l’avversario del Ferrara sarà la corazzata Vicenza.
L’avversario è di grossa caratura ma i Warriors hanno tutti i mezzi per rendere la vita difficile a chiunque quindi concentrazione, sacrificio e buttiamo in campo cuore e quella voglia di riscatto che ci darà la spinta per portare a casa quello che vogliamo e quello che meritiamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *