I 103 anni di Rita Levi Montalcini

Ieri, 22 aprile 2012, Rita Levi Montalcini, premio Nobel per la medicina 1986, Senatrice a vita del Parlamento italiano ha compiuto 103 anni.

Negli anni cinquanta le sue ricerche la portarono alla scoperta e all’identificazione del fattore di accrescimento della fibra nervosa o Nerve Growth Factor, scoperta per la quale è stata insignita nel 1986 del premio Nobel per la medicina. Insignita anche di altri premi, è stata la prima donna a essere ammessa alla Pontificia Accademia delle Scienze, mentre il 1º agosto 2001 è stata nominata senatrice a vita “per aver illustrato la Patria con altissimi meriti nel campo scientifico e sociale. Rita Levi Montalcini è anche socia nazionale dell’Accademia dei Lincei per la classe delle scienze fisiche ed è tra i soci fondatori della Fondazione Idis-Città della Scienza.

Moltissimi gli auguri ricevuti da ogni parte del mondo, fra tutti le massime cariche dello Stato, dal Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio che in un messaggio ha unito tutti gli Italiani –i quali, ha detto Mario Monti, – si augurano che lei possa continuare ancora a lungo a spronare tutto il paese, le istituzioni, la politica e gli individui perché assicurino un futuro alla ricerca». La sua vita, ha aggiunto il presidente del Consiglio – «è una testimonianza eccezionale che dimostra dove si può arrivare nel mondo della ricerca grazie all’ingegno e all’impegno nello studio e nel lavoro».

La scienziata, che in diverse interviste ha spesso dichiarato di non soffrire il passare del tempo e di vivere, malgrado l’età, non nel passato, ma nel futuro”, ha votato la propria vita alla ricerca scientifica, nella quale come lei stessa ha più volte affermato, ciò che davvero conta è solo e soltanto la totale dedizione al proprio lavoro.

Come, del resto, ha aggiunto, succede spesso in tutte le attività, dalle più banali a quelle esemplari per l’umanità. Costante il suo sguardo continuamente rivolto alle nuove generazioni, che ha sempre incoraggiato nelle attività di ricerca, considerando i giovani come la risorsa più preziosa in assoluto per il futuro del genere umano.

Nel 1992 istituì in memoria del padre, con la sorella gemella Paola, la Fondazione Rita Levi-Montalcini, rivolta alla forNel mazione dei giovani, nonché al conferimento di borse di studio universitarie a giovani studentesse africane con l’obiettivo di creare una classe di giovani donne che svolgessero un ruolo da leader nella vita scientifica e sociale del proprio paese.

Nel 1998 cofondò la sezione italiana di Green Cross International, riconosciuta dalle Nazioni Unite e presieduta da Michail Gorbačëv, di cui è consigliere. Significativo l’impegno nella prevenzione dei conflitti legati allo sfruttamento delle risorse naturali, con particolare riferimento alla protezione e all’accesso alle risorse idriche.

[flv]rtmp://telestense.vod.weebo.it/vodservice/20120423_05.flv[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *