I chirurghi di Cona protagonisti di due interventi in laparoscopia diffusi in diretta streaming

Anche quest’anno, in occasione del 31° congresso internazionale di Chirurgia dell’apparato digerente “Laparoscopic.it”, l’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Ferrara è stata scelta tra le sedi dove sono stati eseguiti interventi chirurgici in diretta. Malgrado il periodo difficile, grazie ad un grande sforzo organizzativo, in due giorni sono state coinvolte 100 sale operatorie – in Italia nel mondo – con 48 ore di diretta su 18 canali.

Si tratta di un appuntamento di divulgazione scientifica che tratta tutte le novità in anteprima mondiale sulla chirurgia digestiva, sia con tecnica “open” che con “approccio Laparoscopico”, insieme agli aggiornamenti sia scientifici che pratici e alle nuove tematiche.

Nella giornata di venerdì 20 novembre sono stati eseguiti all’ospedale di Cona due interventi in laparoscopia, uno sullo stomaco ed uno sul colon, interventi che sono stati trasmessi in streaming raggiungendo oltre 5.000 postazioni. Le operazioni sono state eseguite dal Responsabile del Modulo Dipartimentale di Chirurgia Laparoscopica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara, Prof. Gabriele Anania, con l’aiuto dei suoi stretti collaboratori dott. Giuseppe Resta e dott. Marino Serafino.

La partecipazione dell’ospedale di Cona è stata possibile grazie alla disponibilità della Direzione Generale e Sanitaria, del Direttore del Dipartimento Chirurgico prof. Giorgio Cavallesco e dell’Ingegneria Clinica. Fondamentale il supporto del personale della sala Operatoria, con le Coordinatrici Paola Caponcelli e Agatina Privitera (che hanno assecondato le necessità dei tecnici per la trasmissione Live), con gli OSS Riccardo Bignami e Luana Amato e con gli infermieri strumentisti che hanno dato disponibilità a questo lavoro delicato: Fiorindo Vincenzo, Anna Tagliati, Monia Malaguti, Lucia Elvira, Simone Gnudi e Antonio Sammartino. Un grazie alla disponibilità degli anestesisti, dott.ssa Vanna Valpondi e dott. Francesco Malaguti che in un momento così complesso hanno dato il loro contributo.

“Questa partecipazione – mette in evidenza il prof. Anania – si conferma un riconoscimento alla scuola chirurgica ferrarese, inserita nel lotto di 48 centri italiani e di 15 stranieri coinvolti nell’evento congressuale che vede, tra i primi fruitori, i giovani chirurghi specialisti in formazione. Da parte nostra è stata una vera emozione poter partecipare prima come auditori e poi come insegnanti a questa importante iniziativa, con la speranza di mantenere alto il nome della chirurgia ferrarese che ogni anno forma tanti specialisti capaci di farsi apprezzare in tutta Italia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *