“I love my Ferrara”, guida turistica in simboli con il metodo della Comunicazione aumentativa e alternativa

Una guida di Ferrara in simboli curata con il metodo della Comunicazione Aumentativa e Alternativa (CAA), tecnica in grado di facilitare la comunicazione delle persone con disagio espressivo e al centro di un progetto finanziato con 11.277 euro dall’assessorato alle Politiche Sociali. L’In-book si chiama “I love my Ferrara” ed è stato realizzato da Riccardo “Ricki” Tampieri, studente dell’istituito Einaudi di Ferrara che, insieme a un’equipe di docenti, ha prodotto un libro che racconta la storia cittadina in 8 itinerari Rinascimentali.

La peculiarità di questa pubblicazione è che si tratta della prima guida turistica della città realizzata da una persona che presenta problemi di comunicazione attraverso la CAA. Proprio questa tecnica espressiva era stata centrale nel progetto candidato dal CSI – dal titolo “Anch’io conosco bene e comunico bene: la C.A.A. al servizio della comunità” – nell’ambito di un avviso pubblico da 180.627 euro finalizzato al rilancio sociale messo in campo dal Comune di Ferrara, su indicazione dell’assessore alle Politiche sociali Cristina Coletti.

“Questa bellissima guida di Ferrara – dichiara l’assessore Coletti – è il chiaro esempio di come si possano valorizzare, attraverso le loro abilità, le persone che vivono in condizioni di disabilità. Quello che Riccardo è riuscito a realizzare con gli insegnanti dell’Istituto Einaudi è qualcosa di unico ed è soprattutto un modello di vera inclusione. A maggior ragione per le persone svantaggiate, l’ambiente in cui si vive fa la differenza e in questa occasione abbiamo visto quanto la scuola sia un luogo fondamentale in cui, tramite gli insegnanti, far accrescere il livello di benessere di individui sfortunati, ma certamente non meno capaci. Come Amministrazione siamo davvero fieri di quanto Riccardo ha saputo fare, a lui vanno tutti i nostri complimenti. La volontà è ora di mettere a disposizione la guida a chi visita la nostra città”.

Ideatori del progetto sono stati Lara Venturini e Massimo Tampieri, genitori di Riccardo: “L’idea di partenza – sottolineano – era creare uno strumento che desse a Ferrara una visibilità internazionale, fruibile anche dalle persone meno fortunate. E non solo, abbiamo pensato anche a tutti i genitori come noi che vorrebbero per il proprio figlio un futuro decoroso, degno e pieno di soddisfazione: il messaggio è sensibilizzare le famiglie che il proprio figlio può avere capacità spendibili nella società”.

Oltre al contributo dell’Amministrazione, l’iter di realizzazione della guida è stato completato dal supporto dello studio fotografico Brini e dello studio Borsetti: “Ringraziamo le imprese ferraresi – aggiungono i genitori – che si sono dimostrate sensibili dando vita a una fondamentale sinergia fra entità pubbliche e private. Un grazie all’assessore Coletti per l’entusiasmo dimostrato, ci ha resi felici vedere che chi amministra il nostro Comune ha idee con prospettive a medio e lungo termine”.

“Sono molto felice che il nostro studente Riccardo Tampieri abbia la possibilità di continuare il suo percorso educativo-didattico grazie a questo finanziamento del Comune”, afferma Marianna Fornasiero, la dirigente scolastica dell’Istituto Einaudi di Ferrara, che ringrazia vivamente il team che ha lavorato a stretto contatto con Riccardo, ovvero “la professoressa Silvia Visentin, la professoressa educatrice Sara Andreotti, il professor Oscar Ghesini. Questo progetto rappresenta un punto di partenza per implementare ciò che Riccardo ha realizzato in questi anni e per aprire a lui le porte verso un futuro inserimento lavorativo post diploma”.

Partner dell’iniziativa è stato anche il Ministero della Cultura, con la Direzione Regionale Musei dell’Emilia-Romagna e il Museo di Casa Romei: “Casa Romei – ha detto il direttore Andrea Sardo – è un attore in primo piano e dovrebbe diventare un caso di studio per presentare una guida pilota per estendere l’accesso al patrimonio culturale anche alle persone con disabilità. Siamo contentissimi di aver collaborato con Riccardo e l’Istituto Einaudi”.

Per la realizzazione della pubblicazione importante è stato il sostegno del Centro Territoriale di Supporto, a cui vanno i ringraziamenti della famiglia Tampieri e della dirigente Marianna Fornasiero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.