I Musei archeologici nazionali di Adria, Altino, Venezia e il Museo Delta Antico di Comacchio, sono candidati per il “Marchio del patrimonio europeo”

La storia e la cultura sono alla base dell’Europa: per questo una delle più significative azioni Comunitarie prevede l’assegnazione del “Marchio del patrimonio europeo”. La procedura per il conferimento del Marchio è stata approvata dal Parlamento e del Consiglio Europeo e intende valorizzare il patrimonio culturale comune e migliorare la conoscenza reciproca fra i cittadini europei e mira inoltre a favorire un più ampio accesso al patrimonio culturale.

Il Marchio sarà assegnato a siti che abbiano apportato un contributo rilevante alla storia e alla Cultura europee. Per l’Italia è la prima volta che a concorrere per l’assegnazione del Marchio vi sia non solo una località ma addirittura un prestigioso ambito culturale, infatti è stata presentata la candidatura di un sito tematico nazionale, denominato Terre d’acqua, terre nell’acqua. Delta del Po e Venezia, coordinato dal Parco Regionale Veneto Delta del Po.

Della cordata fanno parte i Musei archeologici nazionali di Adria (Rovigo), di Altino con la relativa Area archeologica (Quarto d’Altino, Venezia) e di Venezia, nonché il Museo Delta Antico di Comacchio (Ferrara). Entro l’8 febbraio 2021 la Commissione ministeriale, che verrà appositamente costituita con un decreto dal Segretario generale MiBACT, dovrà valutare i siti migliori dal punto di vista della rilevanza europea, della qualità progettuale e della capacità operativo-gestionale, al fine della presentazione delle candidature, fino a un massimo di due, alla Commissione europea entro il 1° marzo 2021.

“Questa candidatura – afferma l’assessore alla cultura Emanuele Mari – intende proiettare ancor più a livello internazionale il nostro museo consapevoli del valore culturale e archeologico che rappresenta per l’intero territorio deltizio”. Per la selezione 2021 si sono candidati il Santuario di Ercole Vincitore a Tivoli (Roma) e l’Area archeologica di Paestum (Capaccio Paestum, Salerno), afferente al Parco archeologico di Paestum e Velia. Ed ancora la Città di Sarzana-centro storico, Il Parco letterario Ernst Bernhard – Campo di Internamento Ferramonti di Tarsia e Ventotene.

Tutte le info su https://www.marchiopatrimonio.beniculturali.it/marchio-patrimonio-europeo/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *