Idrovia Ferrarese, Aipo: “Inizio lavori sul Boicelli entro l’estate”

Inizieranno entro l’estate i lavori sul Canale Boicelli per l’adeguamento dell’Idrovia Ferrarese.

A dirlo è l’Aipo, l’Agenzia Interregionale per il fiume Po, dopo la due giorni servita per fare il punto sullo stato dei lavori e che ha visto la partecipazione di Julian Espina, Project Officer della Commissione Europea.

“Un risultato molto importante e atteso da molti anni che deve servire al rilancio della navigazione fluviale, sia commerciale che turistica, settori che hanno potenzialità di sviluppo”

E’ uno dei passaggi emersi durante la due giorni servita per fare il punto sullo stato di avanzamento degli interventi utili per migliorare il sistema idroviario del nord Italia, nel quale è inserita anche l’idrovia ferrarese. Una due giorni alla quale ha partecipato, insieme a tutte le istituzioni coinvolte anche Julian Espina, Project Officer della Commissione Europea.

Due i sopralluoghi in altrettanti cantieri la cui realizzazione finale è prevista per quest’anno: quello riguardante l’ampliamento del bacino di evoluzione a Porto Levante, in provincia di Rovigo e la nuova conca di navigazione di Isola Serafini, grazie alla quale si potrà navigare sul grande fiume da e fino a Piacenza.

Interventi inseriti nel progetto “INIWAS” che vede come capofila l’Aipo e tra i partner di progetto anche la Provincia di Ferrara, il Ministero per le Infrastrtuture ed i Trasporti, la società Sistemi Territoriali e l’Unione Navigazione Interna Italiana.

Tra gli interventi finanziati ci sono anche i lavori per l’adeguamento dell’idrovia ferrarese: “Stiamo completando la progettazione ma i lavori partiranno entro l’estate” garantisce l’ingegner Ivano Galvani, dirigente dell’Aipo. Lavori che riguarderanno il rifacimento del ponte Bardella, del ponte ferroviario lungo il Canale Boicelli e di due botti sifone. Il costo è di 9milioni 840mila euro. L’Europa cofinanzia con 1.976.000, il resto sarà a carico della Regione Emilia-Romagna.

L’idrovia Ferrarese collega il Po a Ferrara con Porto Garibaldi, e costituisce l’ingresso meridionale al Sistema Idroviario Padano Veneto dall’Adriatico. Lunga 70 km è divisa in tre tratte: dalla conca di Pontelagoscuro (appena dopo la deviazione dal Po) alla conca di Valpagliaro; da questa alla conca di Valle Lepri e poi verso il mare. Nel tratto tra Ferrara e Migliarino-Fiscaglia, l’idrovia coincide con il corso del Po di Volano, poi il percorso diventa artificiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *