Idrovia Porto Garibaldi: più onde nel porto canale. Servono misure sicurezza per contenere mare – VIDEO

[flv image=”https://www.telestense.it/img-video/idro_porto.jpeg”]rtmp://telestense.meway.tv:80/telestense_vod/01-idrovia-portogaribaldi_20140611171917.mp4[/flv]

Il Porto Canale di Porto Gribaldi, da quando è stato ampliato, è meno sicuro. Gli operatori lo denunciano da tempo: l’imboccatura del Porto Canale, da 32 metri, è stata portata a 80; inevitabilmente, la corrente che viene dal canale navigabile del Po, si è fortemente ridotta; la sua velocità è passata dai cinque sei nodi di un tempo ai due-tre nodi di oggi. E questo significa che il mare si insinua più facilmente nel porto canale, con inevitabili conseguenza sul moto ondoso.

La CNA di Ferrara ha denunciato la situazione in conferenza stampa, presenti il presidente di CNA turismo Cavicchi e Dario Guidi, presidente del consorzio Navi del Delta. E’ stata inviata una lettera alla provincia di Ferrara, al sindaco di Comacchio, e alla Capitaneria di Porto: nonostante le rassicurazioni contenute nei progetti preliminari dell’opera, i rischi, soprattutto per le imbarcazioni che fanno trasporto passeggeri a fini turistici, restano.

L’ampliamento del proto canale di Porto Garibaldi fa parte delle opere collegate alla realizzazione dell’idrovia ferrarese. Gli operatori non mettono in discussione il progetto complessivo, ma chiedono soluzioni ai problemi di sicurezza. Forse una barriera che rompa il flusso del mare in direzione terra, potrebbe contribuire a risolvere il problema. Intanto, la questione arriva in consiglio regionale: la consigliera Silvia Noè, dell’UDC ha rivolto una interrogazione sul tema alla giunta regionale.

VIDEO ESCLUSIVO DAL PORTO CANALE 

[flv image=”https://www.telestense.it/img-video/porto_canale.jpeg”]rtmp://telestense.meway.tv:80/telestense_vod/idrovia_cna.mp4[/flv]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *