IDV: terremoto nel partito anche a Ferrara

E’ un vero e proprio terremoto quello che sta scuotendo il partito di Antonio di Pietro, l’Itala dei Valori. A innescare le resa dei ctoni interni è stato un inchiesta di Report il settimanale curato da Milena Gabanelli per Rai Tre sulle – vere o presunte- proprietà immobiliari dell’ex PM molisano.

Si è arrivati al punto che due esponenti di primo piano del partito, come i sindaci di Palermo e di Napoli, Orlando e De Magistris, dicono pubblicamente che l’Italia dei Valori è ormai un partito morto. Vittima di una gestione verticistica, voluta da Antonio di Pietro e da un entourage ristretto che governa il partito sul piano nazionale, e non più riformabile.

Da Ferrara, Rossella Zadro, assessore all’ambiente ed esponente dell’Italia dei Valori ferrarese, risponde: “A 14 anni dalla fondazione del partito, l’apertura di una riflessione nel partito, e un’importante opera di revisione del modo in cui viene gestito è sicuramente necessaria. In primo luogo, è necessaria totale trasparenza, anche se io continuo a credere nella sostanziale correttezza di Antonio Di Pietro.In ogni caso, non credo il partito sia morto o irriformabile”.

Aggiunge la Zadro: “Da Ferrara era già venuta, anche in passato, una richiesta di maggiore democrazia interna, e soprattutto la richiesta che nel partito venisse lasciato più spazio ai singoli territori. Questa, tuttavia, è una riflessione che dovrebbero fare tutti i partiti e non solo il nostro: è necessari dare voce ai territori e rappresentarli adeguatamente. I partiti centralizzati oggi non incontrano mpiù l’interesse dei cittadini”.

[flv]http://telestense-view.4me.it/api/xpublisher/resources/weebopublisher/getContentDescriptor?clientId=telestense&contentId=004675ec-c95a-4441-b0b9-1adf89a152ac&channelType=STREAMHTTPFLASH[/flv]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *