‘Igor’: archiviata denuncia dei figli di Verri

L’unico responsabile della morte di Valerio Verri, guardia volontaria uccisa l’8 aprile 2017, va individuato, “sulla scorta degli esiti degli accertamenti effettuati, in colui che ha esploso i colpi che lo hanno ferito a morte”.

Cioè Norbert Feher, il serbo arrestato in Spagna a metà dicembre.

E’ il punto messo dal Gip Carlo Negri, che ha archiviato il fascicolo nato dalla denuncia dei figli di Verri, difesi dall’avv. Fabio Anselmo, per cui se le forze dell’ordine si fossero scambiate l’informazione sulla presenza del killer nella zona, questa poteva essere interdetta ai pattugliamenti anti-bracconaggio, evitando l’agguato.

Ma, per il Gip, quanto successo non può essere collegato “alla ritenuta omissione di comunicazione da parte degli organi di polizia giudiziaria di dati inerenti” la probabile posizione di Igor, “agli organi deputati a tutelare la sicurezza pubblica”. Anche perché fino al delitto la presenza di Feher in zona era solo una ragionevole, ma generica, ipotesi di lavoro.

(ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *